La notizia, uscita fuori da un'inchiesta de L'Espresso, ha dell'incredibile e fa riflettere ancora una volta sulla mancanza di controlli economici adeguati nel calcio italiano. Veniamo al fatto: Gable, compagnia di assicurazioni con sede a Vaduz, ed attualmente in forte crisi, che ha fornito la garanzia sui debiti del calciomercato alla Sampdoria per 12 milioni lo scorso anno, avrebbe dei forti legami con alcuni  club di Lega Pro. La Gable avrebbe venduto nei mesi scorsi delle polizze di 350.000 euro ciascuna per le fideiussioni necessarie all'iscrizione al campionato, a ben 20 club di Lega Pro. La Gable però adesso sarebbe sull'orlo del crack.

Ecco i club in contatto con la Gable

Secondo L'Espresso, le 20 società partecipanti al campionato di Lega Pro che hanno acquistato la polizza sarebbero: Mantova, Olbia, Messina, Pordenone, Modena, Reggina, Robur Siena, Siracusa, Taranto, Venezia, Santarcangelo, Unicusano Fondi, Akragas, Arezzo, Casertana, Lupa Roma, Fidelis Andria, Matera, Melfi, Maceratese. La compagnia Gable ha addirittura preso la decisione di ritirarsi dalla borsa inglese. Giá da mesi la situazione era abbastanza nota, quindi la stranezza sta nel fatto che la Federazione Italiana Giuoco Calcio abbia accettato questa situazione. Come riportato anche da calciomercato.com, dalla FIGC non hanno avuto nulla da ridire. Anche altre societá, poco conosciute, con sede in Bulgaria e in Gibilterra, sarebbero impegnate in accordi con società calcistiche italiane.

I migliori video del giorno

Si riapre così la questione dei maggiori e più approfonditi controlli. Inutile dire che in questa situazione le ripercussioni sul calcio italiano potrebbero essere pesanti.

Anche il Bari, avrebbe usufruito della polizza di 800.000 euro per il campionato di serie B. Insomma, brutte notizie per varie societá del calcio italiano. A questo punto non resta che sperare che tutto si risolva per il meglio. Di certo, la questione vecchissima dei controlli economici più pignoli deve essere presa in considerazione maggiormente. I tifosi vogliono vedere il bel calcio giocato e non societá che rischiano punti di penalizzazione o sanzioni per cause esterne. #Serie C #Sport Lecce