Il maltempo che sta mettendo letteralmente in ginocchio l'Italia continua a creare danni e disagi. Le scosse di terremoto che si sono verificate nel centro Italia ieri, mercoledì 19 gennaio, sono state avvertite in varie zone d'Italia. Dalla Puglia all'Emilia Romagna, da Roma a Firenze, da Napoli a Frosinone, la paura è stata tanta e le scosse sono state sentite distintamente. Adesso, ovviamente, inizia a riflettere anche il mondo del calcio e cominciano ad essere diversr le gare del calcio professionistico a rischio rinvio per il prossimo week end.

Già rinviate due gare per motivi di ordine pubblico: Maceratese- Modena e Teramo- Pordenone. In Serie A e Serie B, sono a rischio Pescara- Sassuolo e Ascoli- Pro Vercelli.

In mattinata sarà effettuato un sopralluogo allo stadio Adriatico di Pescara per verificare le condizioni del campo dopo le copiose nevicate dei giorni scorsi. Sarà effettuato anche un controllo sull'agibilità dopo il sisma. Per Ascoli- Pro Vercelli, sembra che manchi solo l'ufficialità del rinvio: sarebbe molto difficile giocare un match in un luogo dove la neve è ancora alta ed è dovuto intervenire l'esercito per aiutare la popolazione: ancora adesso ci sono diverse località isolate.

A rischio Gubbio- Lumezzane

A rischio anche la gara del Gubbio, impegnato contro il Lumezzane. Il campo, come riportato da La Gazzetta dello Sport è ricoperto da 10- 15 centimetri di neve e la squadra si è dovuta spostare a Petrignano d'Assisi (circa 200 chilometri di distanza) per svolgere l'allenamento. La pioggia prevista nelle prossime ore, però, dovrebbe aiutare e il campo sarà liberato dalla neve: quindi al momento appare c'è un leggero ottimismo sullo svolgimento del match.

Dunque, sono 4 o 5 le gare che potrebbero essere rinviate a causa del maltempo e del sisma: 1 in serie A, 1 in serie B e 2 o 3 (in dubbio, appunto, la gara di Gubbio) in Lega Pro. Indipendentemente dalle gare, la speranza di tutti è che il maltempo non crei altri disagi ai cittadini e che la terra smetta di tremare al più presto.