Il gruppo terroristico dell'ISIS, noto anche con gli acronimi ISIL, IS o Daesh, è stato volutamente creato dai governi di Israele e Stati Uniti con lo scopo di raggiungere determinati obiettivi geopolitici. Si può definire come una organizzazione terroristica fondamentalista sunnita, creata per terrorizzare e rovesciare i governi di alcune nazioni arabe laiche o di fede sciita, come Iraq e Siria. Nonostante l'ISIS sia conosciuto come gruppo fedele all'Islam, nella realtà lavora alacremente per raggiungere gli obiettivi di Israele e del sionismo mondiale nel panorama geopolitico globale.

A che cosa serve l'ISIS

Da anni ormai NATO e Stati Uniti insistono nel voler rovesciare il presidente siriano Assad, con l'obiettivo di instaurare un governo fantoccio, impossessarsi di risorse naturali e fare un favore ad Israele, assicurandogli la totale egemonia nella regione. Dalle origini del conflitto in Siria, paesi appartenenti alla NATO e alla penisola arabica hanno fomentato e appoggiato le opposizioni, ma la verità nemmeno tanto nascosta è che gruppi terroristici addestrati dall'occidente, tra cui l'ISIS, sono stati mandati nella regione col chiaro scopo di destabilizzare, terrorizzare e giustificare un intervento armato dell'occidente.

Una strategia già usata in altri paesi africani e mediorientali, che ha dato purtroppo i suoi frutti.

Risaltano all'occhio alcune caratteristiche del gruppo terroristico dell'ISIS, per esempio il fatto di non aver mai attaccato Israele, sconcertante se si pensa che gli israeliani da anni commettono ingiustizie e atrocità contro i musulmani, soprattutto in Palestina. I SUV e altri mezzi Toyota che spesso vediamo nelle foto di propaganda del gruppo terroristico provengono dagli Stati Uniti, e si tratta di una flotta enorme.

La grande padronanza del web e soprattutto la produzione di video di qualità, spesso filmati di finte esecuzioni, delineano una conoscenza molto vasta della tecnologia. Inoltre i video dell'ISIS stranamente vengono sempre trovati e divulgati da siti web israeliani. Affermazioni non confermate asseriscono che il leader dell'ISIS al-Baghdadi sia in realtà un agente del Mossad (servizi segreti israeliani), e che il suo vero nome sia Elliot Shimon.

Gli Stati Uniti hanno affermato di combattere contro l'ISIS in Siria, ma i risultati sono arrivati solo dopo l'intervento russo, incompetenti o compiacenti gli americani? Definitivamente il terrorismo è conveniente a molti paesi, il motto del Mossad è "attraverso l'inganno vincerai la guerra".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto