Il Governo Dolly, così soprannominato in onore della famosissima pecora clonata in Scozia una ventina di anni fa, si accinge a prendere possesso delle proprie funzioni: il giuramento di rito al Quirinale di fronte al capo dello Stato, il simbolico passaggio di consegne (e campanellino) tra Matteo Renzi e Paolo Gentiloni e l’esame agevolmente superato presso la Camera dei Deputati. Tutto procede secondo i piani.

Pubblicità
Pubblicità

In attesa di incassare la fiducia anche da parte del Senato (meno scontata, ma in ogni caso più che possibile), il primo Governo-clone della storia della Repubblica italiana è quasi pronto per mettersi al lavoro. E a giudicare dall’inedita verve che caratterizza il suo leader, appunto Gentiloni, il nuovo (si fa per dire) Esecutivo si mostra già bello pimpante. Vispo e polemicamente intraprendente.

Pubblicità

'Tecnicamente” oramai pressoché legittimato (infatti, l’imminente responso in arrivo da Palazzo Madama sancirà la chiusura del cerchio), il premier si sente già in diritto di dispensare un’ironia e un sarcasmo che prima gli erano sconosciuti. Ma non c’è da preoccuparsi: è solo l’effetto della clonazione. Il pacifico, accomodante e sempre rasserenante Gentiloni di una volta… era un’altra persona.

Contraddizioni ironiche

Adesso, come ogni buon clone che si rispetti, Gentiloni deve fare il verso a Renzi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Elezioni Politiche

Ha l’obbligo, in quanto fotocopia, di riprodurre il suo stesso linguaggio, l’atteggiamento, la medesima capacità burlesca, frasi pungenti à gogò. Il romano gentile e silenzioso si riscopre e indossa i panni del proverbiale toscanaccio dalla battuta sferzante e dalla satira ‘virile’. Siamo al cospetto dell’irrisione che si fa beffa. Va in scena l’arte della contraddizione rivoltata e ribaltata pro domo propria.

Si recita il gioco dello scambio delle parti con una disinvoltura disarmante. Anzi, si gioca con le parole, si orchestra un gioco di scambi di parole e significati talmente abile che, nel giro di un istante, all’orecchio dell’interlocutore ciò che è vero può apparire falso, ciò è giusto sembra sbagliato e viceversa, il bello diventa brutto e viceversa. Insomma, può andare bene tutto e il contrario di tutto: è il marasma della dialettica di una politica che ha raggiunto l’apice dell’auto-referenzialità.

Pubblicità

Un esempio? Gentiloni ha affermato: “Se stasera sono qui, è perché l’abbiamo riconosciuta!”. Si riferiva alla sconfitta referendaria del 4 dicembre. Alla sconfitta, cioè, del suo partito, nonché del Governo di cui faceva parte. Come dire: “Abbiamo perso, quindi siamo tuttora qui!”.

Governo ventriloquo

Se non è sagace ironia non dire “Abbiamo perso dunque andiamo a casa”, bensì “Abbiamo perso, quindi ci ripresentiamo uguali”.

Pubblicità

Ovvero: “Mi hanno bocciato, ma io mi promuovo!”. Parossismo allo stato puro. Non solo. Parlando della sua squadra di governo, che ricalca quasi completamente quella dell’Esecutivo precedente, Gentiloni ha rivendicato i risultati ottenuti: la squadra ha rimesso in moto l’Italia. Peccato che gli italiani, appunto, non abbiano accolto, bensì ricusato, questa presunta ‘rimessa in moto’. E poi ancora: “I paladini della legalità e della costituzionalità non si sono presentati nel momento estremo della fiducia”. Un chiarissimo messaggio per quell’opposizione oltranzista (Cinque Stelle e Lega) che ha disertato l’Aula in quanto non si sente di riconoscere un Governo rifiutato dai cittadini. L’assenza dei grillini e dei leghisti a Montecitorio (peraltro ininfluente) è un attacco alla democrazia, mentre il Governo ventriloquo del precedente è ‘legale’ e legittimo? Tecnicamente lo è ma, politicamente e sotto il profilo dell’opportunità, assai meno. E il non rispetto della volontà dei cittadini è una forma di violenza. Su una cosa però Gentiloni non sbaglia: “Il Parlamento non è un social network”. Vero: nei social, nei blog, in rete, c’è molta più democrazia!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto