Neanche il tempo di aspettare la mezzanotte che alle 23 e 30 ore Italiana, in Turchia l'una e trenta, un uomo (forse due, tre al massimo) beffardamente vestito da Babbo Natale ed armato di kalashnikov, entrato al Reina Club, locale in di Istanbul dove si stava festeggiando il Capodanno, ha fatto irruzione e sparato sulle persone che stavano festeggiando l'inizio dell'anno nuovo.

Il locale "Reina" è un locale notissimo e molto ben frequentato, si trova a Besiktas la zona Europea d'Istanbul.

Al momento le vittime sono 39 e soltanto cinque sono Turche, 4 dei 69 feriti sono in condizioni gravissime, eppure ieri sera erano 17000 i poliziotti che a Istanbul avrebbero dovuto garantire l'ordine pubblico, inutili dinanzi questo genere d'attentati.

Quanti siano stati i Babbo Natale ancora non lo si sa con certezza, da uno a tre, certo è che questa volta il killer o i killer sono riusciti a dileguarsi tra la folla.

L'attentatore in un primo momento lo si dava barricato nel locale, all'ingresso ha sparato su una guardia giurata e la sorveglianza e poi a caso sulla folla, per sfuggire alla morte molti si sono tuffati nelle fredde acque del Bosforo, la polizia circondato il locale ha constato che il killer è riuscito a dileguarsi, evidentemente dismettendo l'abito di Babbo Natale e mischiandosi alla folla, ripreso dai video delle telecamere del locale a circuito interno proprio nell'atto di spogliarsi e dirigersi verso l'uscita.

Si pensa che dietro l'azione ci sia la mano tentacolare dell'Isis, il governo Turco nell'interesse della caccia all'uomo ha ordinato un perentorio black out dei media locali per evitare fughe di notizie.

Soltanto pochi giorni fa, l'Isis aveva smosso i "lupi solitari" della sua rete per attentare alle celebrazioni pubbliche in raduni e locali, l'attacco sembra essere legato per la tempistica al cessate il fuoco in Siria du cui sono garanti Turchia e Russia.

A questo punto attendiamo tutti sviluppi, Babbo Natale avrà dimenticato la sua carta d'identità nel luogo della strage o basterà la sua immagine ripresa dai video a circuito interni per risalire alla sua identità?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto