Come ogni degna storia d'amore anche quella tra l'A.C. Milan e Gigio Donnarumma sembra poter avere il suo meritato lieto fine. Il giovane portiere infatti, dal ritiro in Polonia, dove è impegnato con la Nazionale Under 21 (arrivata alle semifinali, dove incontrerà la Spagna ) ha dichiarato: "Dopo l'Europeo incontrerò società e agente per trattare il rinnovo". Chi ci guadagna? Chi ci spera? La risposta ad entrambe le domande è abbastanza semplice: tutti!

Nel calcio ormai conta solo il denaro

Partiamo con ordine ricostruendo la situazione. Il giovane portiere rossonero ha da sempre dichiarato eterno amore al Milan, ma cosa è successo? Cosa ha portato il "Renzo" della situazione ad allontanarsi dalla sua "Lucia"? I dubbi e le domande sono tante, l'unica certezza è che il Calcio e i suoi valori sono cambiati. Il calcio ormai è un treno ad alta velocità diretto verso fama e denaro, il circolo di denaro ormai è tra i più importanti ed è quasi impossibile resistere ad offerte allettanti.

Sembra essere una buona giustificazione per il diciottenne rossonero e per chi come lui in giovane età percepisce cifre capogiro, raramente viste dai comuni mortali.

Raiola, sei assolto

Quante volte in queste settimane si è cercato e forse trovato il colpevole di tutto ciò? Tante. Ma davvero la colpa è tutta di Mino Raiola, agente del giocatore? Se giocatore, società e il calcio moderno meritano delle giustificazioni le merita anche Mino Raiola.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Milan

Sappiamo ormai che non è un uomo che ragiona con il cuore ma in tutta questa vicenda è davvero lui a doverci mettere il cuore? Raiola è un agente, ha sottomano importantissimi calciatori di fama mondiale: il suo lavoro, il suo scopo e ahimè il suo "dovere" è quello di garantire il massimo profitto sotto ogni punto di vista ai suoi assistiti. Facendo un paragone forse esagerato, forse anche immorale, è un po' come una madre, una chioccia che deve garantire il miglior presente e il miglior futuro al suo calciatore.

C'è chi pensa al cuore, ai sentimenti, alle emozioni, parole che non possono essere accostate al suo nome di Raiola, ma la verità è che probabilmente non è stato lui a sbagliare. Certo sappiamo che non è uno che le manda a dire, non usa mezzi termini ma non è lui a dover ragionare con il cuore in questa vicenda e forse lo abbiamo dimenticato un po' tutti.

Il Milan dimostra di aver cambiato rotta

L'unico che doveva e deve ragionare con il cuore e con il cervello è solamente il talentuoso portiere rossonero.

Probabilmente anche i tifosi hanno le loro colpe, visto che in un momento di instabilità, portata dall'età, dall'esperienza di un procuratore di fama e dal calcio di oggi, reagire con minacce e cori offensivi forse ha anche spaventato Donnarumma. Sicuramente si nota anche l'approccio della nuova società, che, con indiscutibile fermezza ha posto date limite e pugno duro, segno che comunque il Milan sta cambiando rotta.

Da troppo tempo ci eravamo abituati ad un Milan con poca personalità sotto ogni aspetto ed è per questo che Donnarumma ha un motivo in più per restare in questo top club.

La tregua tra Milan e Donnarumma

Dopo settimane di pura guerra mediatica tra giocatore, agente, media e tifosi sembra di essere giunti ad un punto di stallo, dove al momento l'attenzione è concentrata sull'Europeo che vede impegnato il portiere. Una quasi raggiunta serenità dovuta anche alle sue dichiarazioni, dove sembra quasi far marcia indietro. Adesso però il messaggio è chiaro, testa all'Europeo: l'Italia è in semifinale e affronterà la nazionale spagnola, sfida ostica, in cui gli iberici sono favoriti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto