Per scatenare le proteste è bastato l’arrivo di un camion coi materassi destinati ai migranti: la vicenda di Casoria ricorda quella di Goro, quando lo scorso ottobre i residenti sono scesi in strada per bloccare il passaggio dei pullman che avrebbero accompagnato gli ospiti in un centro destinato alla loro accoglienza.

Casoria, cittadini contro sindaco e Onlus

Il video della rivolta dei cittadini di Parco San Francesco, contrari all'insediamento dei migranti nel complesso residenziale di via Giovanni Pascoli, sta facendo il giro del web e dei social network, non certo dei telegiornali o dei siti delle principali testate nazionali.

Il numero dei migranti che dovranno arrivare nello stabile appena ristrutturato non è ancora chiaro, ma nel mirino delle proteste delle donne sono finiti il sindaco di Casoria, Pasquale Fuccio, e l’associazione Terra Nostra di Afragola, ritenuta responsabile della gestione dell’arrivo degli ospiti indesiderati. “I migranti rendono più della droga” sosteneva in un’intercettazione lo zar delle coop rosse, Salvatore Buzzi.

Anche a Casora il’arrivo di migranti è strettamente connesso all’amministrazione di ingenti somme di denaro: nei giorni scorsi, il sindaco Fuccio aveva ricordato come, a seguito di un vertice in Prefettura, si fosse raggiunto l’accordo sull'ampliamento dello Sprar, ovvero il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati del Ministero dell’Interno, che riguarda “un bando da 7 milioni di euro raggiungendo la clausola di salvaguardia che per Casoria è di 249 migranti in tutto”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Il sindaco di Casoria rimanda l’arrivo

Sempre il primo cittadino di Casoria ha precisato che la Prefettura aveva garantito di avvisare i Comuni sull’arrivo nei Cas (Centri accoglienza straordinaria) di nuovi immigrati. Questi, però, secondo Fuccio non sarebbero arrivati e la protesta dei cittadini contro l’arrivo di materassi e altri mobili destinati ad accogliere i migranti sarebbe infondata. Così, il sindaco ha rinviato la questione nei prossimi giorni. Intanto, dopo le proteste dei residenti che hanno visto l’intervento dei Carabinieri, i residenti sono stati ricevuti e ascoltati.

Da Goro a Casoria: “Basta migranti”

Dall’Emilia Romagna alla Campania, soffia un importante vento di ribellione tra i cittadini italiani, ormai stufi di subire passivamente sulla propria pelle le decisioni di un sindaco o le imposizioni di un prefetto. Come a Goro, anche a Casoria la mobilitazione dei cittadini ha scongiurato l’insediamento di una decina di immigrati. Lo scorso ottobre, l’opinione pubblica venne scossa dalla protesta di trecento persone scese in strada - in maniera pacifica - per scongiurare un insediamento di migranti totalmente imposto, senza essere minimamente concertato dalle istituzioni con il territorio.

Immediatamente, i principali media condannarono la protesta dei cittadini di Goro e Gorino, dimenticandosi in maniera vergognosa che pochi mesi prima, a ribellarsi contro l’arrivo di “profughi”, furono i radical chic con la villa a Capalbio; nel borgo toscano, guidato da un sindaco Pd, non potevano certo arrivare a turbare la tranquillità della loro villeggiatura. Ora, però, a ribellarsi sono semplici cittadini, non certo vip e nobili: e la retromarcia del camion con sedie e materassi per i migranti ha segnato una loro prima vittoria.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto