"#Bratislava. Passo in avanti, ma piccolo piccolo", il tweet di Matteo Renzi dopo la partecipazione al vertice informale dei capi di Stato e di Governo dell'Unione europea in Slovacchia. Poche parole per dire tutto. O quasi. Il messaggio del presidente del Consiglio si conclude così: "Troppo poco. Senza cambiare politiche su economia e immigrazione, l'Europa rischia molto". Il premier è rimasto insoddisfatto delle conclusioni del vertice principalmente su due fronti, sollecitando un cambio di rotta sul piano degli interventi immediati riguardanti sviluppo e migranti.

E alla fine non si è presentato alla conferenza stampa congiunta con Angela merkel e Francois Hollande, evidenziando i punti di disaccordo con la cancelliera tedesca e il presidente francese, che hanno dimostrato compattezza e unità d’intenti all’insegna della collaborazione. Non è stato tempo perso Il vertice di Bratislava, ma secondo Renzi non ha rappresentato affatto un grosso passo in avanti in tema di migranti: non si sono dette cose nuove, e a questo punto sarebbe un grave errore pensare di fermarsi soltanto all’accordo con la Turchia. Necessitano intese anche con i Paesi africani, e non può che essere l’Europa a prendere l’iniziativa in maniera efficace e tempestiva.

Accordo Ue-Turchia

Nei giorni scorsi Angela Merkel aveva sottolineato il valore dell'accordo Ue-Turchia sui profughi, in un intervento al Parlamento, a Berlino, definendolo un vero e proprio “modello” per quelli da siglare successivamente con Egitto, Tunisia e altri Paesi della sponda Sud del Mediterraneo. Secondo la cancelliera tedesca la situazione di oggi è di gran lunga migliore rispetto a quella di un anno fa, anche se resta molto da fare.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Renzi

L’austerity non basta

In tema di crescita, l’austerity cara alla Germania non ha dato i frutti sperati. Renzi è fermamente convinto dell’importanza di una chiara strategia di sviluppo. Ora c’è da pensare anche al “fiscal compact”. Le rigidità europee potrebbero rappresentare alla lunga un limite penalizzante per l’Italia, e non solo per il nostro Paese, anche se il premier lascia intendere che il Governo continuerà a impegnarsi in direzioni chiare, senza se e senza ma, per l’abbassamento delle tasse e per mettere in sicurezza le scuole della Penisola. Insomma, chi fino a ieri parlava con insistenza di percorso avviato dal “direttorio a tre” Renzi, Merkel e Hollande, dovrà rivedere le proprie valutazioni.

Il vertice di Bratislava è stato interamente dedicato a una diagnosi comune dello stato dell’Unione europea e, soprattutto, “alla discussione del nostro futuro”, si legge sul sito internet ufficiale del Consiglio europeo e del Consiglio dell’Unione europea. Il primo, che definisce priorità e orientamenti, è composto dai capi di Stato o di Governo degli Stati membri dell’Ue, dal suo presidente e da quello della Commissione europea.

Il secondo rappresenta i Governi degli Stati membri: è il luogo dove i ministri dei Paesi dell’Ue si riuniscono per coordinare politiche e adottare leggi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto