''Non vogliamo fare un partitino, vogliamo costruire un progetto che deve avere una discontinuità di metodo e merito con il passato'' queste le parole di Giuliano Pisapia, l'ex-sindaco di Milano, che al Teatro Brancaccio di Roma ha presentato il nuovo soggetto politico "Campo Progressista", un "soggetto politico-culturale a disposizione di chi crede in un centrosinistra aperto, largo" così viene descritto il neo raggruppamento del centro sinistra.

Presenti alla manifestazione i fuoriusciti di Pd e Sinistra Italiana, da Roberto Speranza ad Arturo Scotto e Ciccio Ferrara, ma anche il sindacato con Maurizio Landini, la terza carica dello Stato Laura Boldrini e il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

La linea del nuovo partito

Per il nuovo leader, le priorità a cui la politica deve guardare sono: lo ius soli, il fine vita e il reato di tortura; Pisapia ha approfittato della kermesse per ricordare così Stefano Cucchi e il G8 di Genova, ma anche un impegno maggiore per l'assistenza ai migranti visto che finora non si è fatto il possibile, poiché c'era chi voleva che li si lasciasse morire.

Altro punto fondamentale sono i voucher, di cui ''è stato fatto un abuso vergognoso. Se non si trova un accordo bisogna dare la parola ai cittadini con il referendum''.

Pd, Renzi e l'Ulivo

A chi gli chiedeva se ci sarebbe stata una sfida con Renzi, l'ex-sindaco ha risposto di non avere nessun avversario, commentando poi le dichiarazioni dell'ex-premier secondo cui il futuro segretario del PD sarà anche il leader della coalizione di centro sinistra: ''Fino a che non ci sarà una legge elettorale è sbagliato parlare di coalizioni in termini di qualcosa che ancora non c'è''; bisogna però decidere da che parte stare, perché ''Destra e Sinistra non possono stare insieme.", quindi se si appoggiano politici come Alfano e Verdini non ci si può dichiarare di 'sinistra'.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Elezioni Politiche

Infine, sulle possibili somiglianze con l'Ulivo, Pisapia ha spiegato che quest'ultimo era un partito fondato dall'alto: furono i dirigenti a scegliere Prodi, Campo Progressista invece parte dal basso, dai cittadini.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto