Stanno facendo discutere delle recenti dichiarazioni sui migrati fatte dalla Politica radicale Emma Bonino, candidata alle elezioni del 2018 con la lista +Europa. Come riportato da diversi organi d'informazione e soprattutto da articoli pubblicati su testate schierate a destra come 'Il Giornale' e 'Libero', la Bonino ha affermato che gli attuali flussi migratori che interessano l'Italia sono assolutamente indispensabili per l'economia e la società italiana, specialmente nel campo della scuola e dell'agricoltura. Tali affermazioni hanno fatto e faranno discutere soprattutto per determinate parole utilizzate dalla politica dei Radicali.

'Senza migranti nessuno raccoglierebbe olive e pomodori'

Come ricordato sopra, le frasi più controverse fatte dalla Bonino rimandano al mondo della scuola e a quello dell'agricoltura. Più specificatamente, Emma Bonino ha sostenuto che i figli dei migranti sono circa 800mila e senza la loro presenza ben 68mila insegnanti non avrebbero lavoro. Inoltre, la candidata di +Europa ha sostenuto, come riportato dal già citato articolo di 'Libero', che "se non ci fossero immigrati nessuno raccoglierebbe pomodori e olive". Inoltre, la politica del Partito Radicale ha ricordato che almeno 800mila famiglie italiane hanno una colf e senza i migranti non vi sarebbero colf.

Le critiche alle affermazioni della Bonino sui social

Le affermazioni della Bonino hanno scatenato una certa polemica nel mondo dei social network, in particolar modo su Twitter. Tali critiche sono arrivate da individui sia critici che favorevoli alla proposta dello Ius Soli e più in generale alla politica sugli attuali flussi migratori che interessano l'Italia e l'Europa. Ciò che si è contestato in particolar modo alla Bonino è l'aver sostenuto che l'Italia ha bisogno di molti migranti per fare lavori generalmente a basso reddito come il raccoglitore di olive e pomodori nei campi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Al riguardo, tra le critiche alle parole della politica radicale vi sono da segnalare quella della studentessa sarda di origini marocchine e attivista per lo Ius Soli Ilham Mounssif, che su Twitter ha scritto che le affermazioni della Bonino non le vanno proprio giù.

Oltre alla Mounssif, su Twitter vi sono stati anche molti altri utenti che hanno criticato, pur condividendo parzialmente il discorso generale, l'utilizzo delle parole fatte dalla stessa Emma Bonino.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto