Il discorso del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha trovato un’accoglienza positiva. Non solo l’ex premier Matteo Renzi, il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e tanti altri rappresentanti delle forze politiche italiane hanno condiviso le parole del capo dello Stato nel messaggio di fine anno. anche il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha subito diffuso una dichiarazione dove sostiene che bisogna rispondere positivamente all’invito del presidente della Repubblica a non cadere nella trappola di un eterno presente [VIDEO]. Il pericolo di dare le spalle al passato, oscurando in questo modo anche il futuro, è molto rischioso e reale in questo momento della storia che attraversa l’Italia.

Per Mattarella è importante ricordare che il sistema democratico vive dell’impegno nel presente ma si nutre anche della memoria e della visione che dobbiamo mantenere sul futuro. Grasso ha detto che anche per questo è importante ricordare l’anniversario della #Costituzione italiana, “che abbiamo celebrato lo scorso 27 dicembre con un evento al Senato nella stessa sala dove è stata firmata la Carta costituzionale [VIDEO]70 anni fa”. “Patrimonio composto di valori, principi e regole – ha detto Grasso – che formano quella che è la nostra casa comune. Con questi attrezzi potremmo affrontare le sfide che verranno. Con il lavoro come priorità assoluta. Una sfida che potremo affrontare rammentando che non esistono formule magiche ma facendo ognuno la propria parte”. #Elezioni europee