Non solo Di Maio, Renzi, Salvini e Berlusconi. La campagna elettorale per le Politiche dello scorso 4 marzo è stata anche quella dell'estrema destra. Indicata in crescita esponenziale, veniva considerata in grado di tentare la scalata verso il parlamento. Così i leader di movimenti dichiaratamente xenofobi ed euroscettici hanno fatto la loro comparsa in TV, dichiarandosi eredi della destra storica e del fascismo.

Le urne hanno sonoramente bocciato casapound e Forza Nuova che, dopo aver spento i riflettori nazionali, sono tornate nell'ombra. Ciò non ha impedito a Casapound di farsi notare, soprattutto in ambiti locali, per alcune iniziative.

Ronde e manifestazioni

In quel di Scandicci, provincia di Firenze, i militanti di Casapound hanno dato vita ad alcune iniziative denominate "passeggiate per la sicurezza".

In altri tempi, la destra storica le avrebbe definite 'ronde', ma considerato l'effetto paramilitare del termine è meglio usare parole più 'moderate'. Dunque, gli esponenti del movimento fanno il percorso della tramvia e segnalano persone 'sospette': possibili malintenzionati che vengono poi denunciati alle forze dell'ordine. Secondo il responsabile fiorentino di Casapound, Saverio Di Giulio, l'iniziativa ha il largo favore della cittadinanza.

Non certamente di Sandro Fallani, sindaco di Scandicci, che ha parlato di "prostituzione della legalità". La terminologia non è piaciuta ai militanti della tartaruga che hanno annunciato querela nei confronti del primo cittadino. Ben più imponente, perché promossa in cento città italiane, la manifestazione di protesta contro il raid di Stati Uniti, Francia e Regno Unito in Siria. Per Casapound "l'aggressione aiuta i terroristi", concetto esposto in uno striscione che è stato affisso su muri e strutture nei centri dove è stata organizzata l'iniziativa.

Ma la solidarietà dell'estrema destra italiana nei confronti del presidente siriano Bashar al-Assad non è una novità, così come le critiche e l'astio nei confronti dell'ex presidente della Camera, Laura Boldrini. Ed in proposito, il movimento ha annunciato una manifestazione pubblica per il prossimo 21 aprile a Pistoia proprio in concomitanza della visita della Boldrini alla parrocchia di Don Massimo Biancalani, sacerdote da sempre in prima linea nell'accoglienza ai migranti.

Casapound giustifica l'iniziativa perché, secondo la visione dei militanti, "si tratta di due personaggi simbolo di quella sinistra che sogna di sostituire gli italiani con i migranti".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto