Potrebbe causare grosse polemiche politiche il reportage annunciato dal settimanale L'Espresso nelle scorse ore, che nel numero in uscita domenica 24 febbraio, pubblicherà un'inchiesta esclusiva riguardo a una presunta trattativa segreta che legherebbe la Russia di Putin alla Lega di Matteo Salvini, non solo sul piano politico ma anche su quello finanziario.

Nel pomeriggio di questo giovedì è infatti stata resa nota la copertina del nuovo numero de L'Espresso che titola: "3 milioni per Salvini" e nel sottotitolo scrive: "L'incontro segreto del ministro a Mosca.

E la trattativa fra gli uomini di Putin e i suoi per finanziare la Lega. Obiettivo: far vincere i sovranisti alle elezioni europee". Un'inchiesta giornalistica che rischia di far discutere molto nei prossimi giorni e su cui il direttore del noto settimanale ha fornito importanti dettagli nelle scorse ore.

Il direttore de L'Espresso: 'L'ex portavoce di Salvini ha incontrato emissari russi parlando di soldi e gasolio'

A spiegare pubblicamente il contenuto dell'inchiesta è stato il noto giornalista Marco Damilano, che appunto è il direttore de L'Espresso, il quale è stato ospite della trasmissione di La7 "Otto e mezzo" di Lilli Gruber proprio questo 21 febbraio.

Nell'occasione Damilano ha spiegato: "Salvini ha fatto una visita in Russia il 17 ottobre, invitato dalla Confindustria russa e fa un convegno. La sua agenda ufficiale finisce lì. Alcune testate in quelle settimane hanno raccontato che c'è un buco di 12 ore. I nostri reporter Giovanni Tizian e Stefano Vergine, che da molti mesi seguono i finanziamenti della Lega, e su questo hanno scritto un libro edito da Laterza ("Il libro nero della Lega") erano lì e sono stati in grado di ricostruire cosa è successo in quelle ore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

Alcune fonti dicono che Salvini ha incontrato il vice-premier russo che ha la delega all'energia. Mentre la mattina dopo i due cronisti sono stati testimoni oculari di un incontro all'Hotel Metropole fra lo sherpa di Salvini, ovvero Gianluca Savoini, ex portavoce personale del leader leghista e presidente dell'associazione Lombardia-Russia e alcuni emissari russi. Si sarebbe parlato esplicitamente, e si sarebbe intavolata una trattativa, sulla cessione di ingenti quote di gasolio, in cambio di un versamento di soldi.

In questa conversazione si dice chiaramente che sarebbero serviti a finanziare la campagna elettorale per le Europee".

Marco Damilano poi precisa: "Noi non sappiamo se la trattativa sia finita o se sia andata a buon fine, perché questo non appartiene al nostro mestiere. Noi per lavoro cerchiamo verità. Ma quello che abbiamo già messo insieme è inquietante, Salvini ha il dovere di trasparenza, deve dire cosa ha fatto quella notte a Mosca e se Savoini parlava a nome della Lega e di Salvini oppure se lo faceva a titolo personale".

Vedremo nei prossimi giorni se ci saranno sviluppi sulla vicenda e come reagirà il vice-premier Matteo Salvini a questa inchiesta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto