C'è tensione ormai nel Governo Lega-Cinque Stelle, soprattutto dopo le ultime elezioni europee che sono andate in scena domenica scorsa 26 maggio 2019, e che hanno visto la clamorosa vittoria del Carroccio, preferito da oltre il 30% degli aventi diritto al voto. Ormai già da alcune settimane il partito di Matteo Salvini, la Lega, e quello di Luigi Di Maio, l'altro vicepremier e ministro del Lavoro, sono entrati in rotta di collisione. Sono ormai al vetriolo le battute che i due leader si scambiano, e questa non è certamente una bella situazione per il Paese.

Il leader della Lega oggi ha riunito alla Camera i parlamentari appartenenti alla sua forza Politica, e ha dichiarato a chiare lettere di essere stufo delle continue provocazioni dei Cinque Stelle, ma anche dei numerosi "no" che Di Maio e compagni pronuncerebbero su tematiche importanti per l'Italia, una su tutte la questione Tav. "Se nel M5S prevale la linea Di Battista il governo chiude" - così il ministro dell'Interno.

Piena fiducia a Conte

il vicepremier Salvini comunque ribadisce la piena fiducia a Giuseppe Conte, premier dell'Esecutivo. Il ministro ha chiesto a quest'ultimo di "fare presto e bene" in quanto il Paese ha bisogno di risposte chiare. Matteo Salvini è stato molto chiaro in proposito, ed egli stesso si augura che l'Esecutivo non si sciolga, e ha ricordato che in questi primi nove mesi di Governo si è lavorato assolutamente bene e in sintonia.

Una situazione che il vicepremier si augura che continui anche per i prossimi quattro anni. Ma il momento è assolutamente delicato, anche perché sembra che i Cinque Stelle siano ancora e fermi sulle loro posizioni. Lo stesso Di Maio ha rimesso la decisione ai sostenitori del Movimento, e per domani è prevista una votazione sulla sua posizione politica attraverso la piattaforma Rosseau: se la risposta dovesse essere negativa il vicepremier andrebbe verso le dimissioni.

Ciò, ha spiegato il ministro del Lavoro, si è reso necessario in quanto i Cinque Stelle hanno visibilmente perso alle elezioni europee.

Salvini: 'Puntare a vincere i ballottaggi'

Il vicepremier Salvini ha anche ricordato ai suoi fedelissimi che adesso bisogna pensare a vincere i ballottaggi delle elezioni amministrative, tenute sempre domenica scorsa in molti comuni italiani insieme alle elezioni europee.

Ai cronisti ha dichiarato inoltre che "se continuano gli insulti non ci sono altre maggioranze". Al momento per il vicepremier è questa la maggioranza, a trazione Lega quindi. Sicuramente nelle prossime ore la situazione del Governo potrebbe avere ulteriori sviluppi, e ovviamente non si escludono clamorosi colpi di scena.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la pagina Matteo Salvini
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!