Da diversi giorni si sta parlando molto del cosiddetto "Russiagate italiano", ossia dei presunti fondi russi alla Lega. L'uomo al centro della vicenda, nata a seguito di un'inchiesta del sito statunitense Buzzfeed, è l'ex portavoce di Salvini e fondatore dell'associazione culturale Lombardia-Russia Gianluca Savoini. Nelle ultime ore, riporta un articolo pubblicato su Repubblica, sta facendo discutere una foto che ritrae lo stesso Savoini insieme al noto pensatore russo Aleksandr Dugin e al consulente bancario Francesco Vannucci.

La foto è stata scattata davanti all'hotel moscovita Metropol. Tale immagine è datata 17 ottobre 2018, lo stesso giorno della visita ufficiale di Salvini nella capitale della Russia.

I sospetti sull'intellettuale russo

Stando a quanto riportato da un articolo pubblicato sulla testata online diretta da Open (di cui Enrico Mentana è editore e fondatore), vi sarebbero dei sospetti sul fatto che lo stesso Dugin potrebbe aver avuto un ruolo nella presunta trattativa Lega-Russia.

Secondo tali ipotesi, il filosofo russo sarebbe il coordinatore dei legami tra il Governo di Mosca e il gruppo italiano composto da Savoini, Vannucci e Gianluca Meranda. Inoltre, stando sempre all'articolo di Open, nella registrazione audio pubblicata da Buzzfeed si sentirebbe Savoini dire a Meranda che anche Dugin gli avrebbe confermato l'importanza della loro presenza esclusiva ai fini della trattativa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Lega Nord

Tra neo-eurasiatismo e sovranismo internazionale, chi è Dugin

Da diverso tempo alcuni opinionisti sostengono che Aleksandr Dugin sarebbe molto vicino al Governo di Putin e inoltre lo descrivono come una sorta di "novello Rasputin". Bisogna dire che tale presunta vicinanza del filosofo ai circoli putiniani è ben poco chiara e quindi non è un dato certo. D'altra parte, è pur vero che il pensiero neo-eurasiatista portato avanti dall'intellettuale è considerato influente in certi settori dell'entourage russo e corrisponde parzialmente all'agenda geopolitica portata avanti dal governo putiniano.

Il neo-eurasiatismo infatti si basa sul rafforzamento della Russia e sulla lotta contro l'egemonia atlantista portata avanti dalla Nato e dagli Stati Uniti D'America. Oltre a ciò, Dugin è sempre di più apprezzato da alcuni circoli culturali legati a partiti e a movimenti internazionali di matrice sovranista. Tale vicinanza ideologica è considerata fondamentale per chi vede il filosofo neo-eurasiatista come uno dei maggiori riferimenti intellettuali, nonché ispiratori, dell'attuale trend internazionale del sovranismo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto