Verranno mossi oggi, 13 agosto, i primi passi "istituzionali" della crisi nata nei giorni scorsi dalle dichiarazioni del ministro dell'Interno, Matteo Salvini: la conferenza dei capigruppo ha infatti deciso a maggioranza di convocare per le 18 il Senato per decidere il calendario dei lavori che andrà seguito nei giorni e nelle settimane a venire. Al di là della soluzione che porterebbe a nuove elezioni, presumibilmente in autunno, ciò che molti si chiedono è chi potrebbe avere i numeri a Palazzo Madama per creare una nuova maggioranza in grado di supportare un nuovo Governo con il MoVimento 5 Stelle ma, ovviamente, senza la Lega.

Chi potrebbe sostenere un nuovo Governo guidato dal M5S

È chiaro che un nuovo esecutivo non comprendente la Lega dovrebbe ovviamente includere il M5S, partito di maggioranza in entrambi i rami del Parlamento. Altrettanto ovvio è che all'opposizione dovrebbero in questo caso trovarsi, oltre alla stessa Lega, anche Fratelli d'Italia e Forza Italia, visto il riavvicinamento con i suoi ex alleati Meloni e Berlusconi caldeggiato da Salvini nei giorni scorsi.

La questione più complessa riguarda i numeri in Senato, che fra le due camere è quella dove il raggiungimento di una maggioranza sembra essere più complesso.

Le cifre della coalizione M5S-PD

La soglia per ottenere una maggioranza al Senato è di 161 voti: non considerando Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia la lista delle possibili alleanze in grado di formare un Governo è limitata ad una sola possibilità, ossia l'incontro fra i due storici "nemici" del MoVimento e del Partito Democratico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica M5S

Al Senato i primi possono contare su una forza di 107 voti, mentre 51 sono quelli che potrebbe portare il Pd. A questa alleanza si potrebbero unire anche il gruppo parlamentare di Liberi e Uguali più quello delle autonomie, per un totale di altri 15 senatori. Questo porterebbe il totale a 173 voti, che potrebbero aumentare di qualche unità grazie a qualche rappresentante del Gruppo Misto. Non sono inoltre da sottovalutare le voci che parlano di una decina di senatori di Forza Italia pronti alla scissione e a supportare un Governo "anti-Lega".

La prima sfida della possibile alleanza in Senato

Il primo banco di prova di questa nuova alleanza sarà proprio oggi in Senato, quando nella seduta per stabilire il calendario l'asse Salvini-Berlusconi-Meloni tenterà di anticipare già a domani, 14 agosto, la mozione di sfiducia al Governo di Giuseppe Conte, in modo da ridurre al minimo i tempi di trattativa ai possibili avversari. L'obiettivo di un'eventuale nuova maggioranza con grillini e PD dovrebbe essere quello di rimandare al 20 agosto le dichiarazioni del Presidente del Consiglio sulla crisi.

Il blocco del centrodestra ha a disposizione una "potenza di fuoco" di 139 senatori: 58 sono quelli della Lega, 61 i senatori di Forza Italia mentre 18 quelli di Fratelli d'Italia. I voti dei berlusconiani sarebbero in effetti 62, ma la prassi richiede che chi presiede l'Aula (in questo caso la berlusconiana Elisabetta Alberti Casellati) si astenga dal voto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto