Il no delle forze di destra alla così detta 'Commissione Segre', le minacce ricevute dalla senatrice a vita e la scorta assegnatele. Sono questi i temi che, in questo momento, ruotano attorno alla figura di Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti. Sulla vicenda si è espresso Vittorio Sgarbi. Ospite di Otto e mezzo, trasmissione di La 7 condotta da Lilli Gruber, ha manifestato apertamente la sua stima nei confronti della Segre, ma ha voluto sottolineare come, a suo avviso, siano più gravi certi tipi di minacce e minimizzato il fatto che, probabilmente, quella ricevute da lei provengano da hater che si limitano a 'bazzicare' sui social.

Per Lilli Gruber condanna della destra non è netta

Lilli Gruber, in riferimento ad esempio alle parole di Salvini che ha manifestato vicinanza alla Segre, pur sottolineando di essere lui stesso oggetto di minacce, ha utilizzato una metafora: "Dà un colpo al cerchio ed un colpo alla botte". Prima di esprimere la propria opinione sulla vicenda, Sgarbi ha voluto mettere in evidenza quella che è la sua posizione rispetto al tema degli ebrei: "Io sono il fondatore materiale del museo ebraico di Ferrara ,il Meis.

Me l'hanno riconosciuto quando è arrivato Mattarella ad inaugurarlo, ci davano dei fascisti. Ho chiamato Fuksas ed Elkann ed abbiamo inventato questo museo, che poi è diventato una proposta di legge a prima firma Franceschini".

Sempre in riferimento all'atteggiamento di alcuni politici, Lilli Gruber, rispetto al tema Segre, ha sottolineato l'ambiguità di una "certa destra". Un'idea che nascerebbe dal fatto che, a suo avviso, "la condanna del razzismo non è così netta".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini Lega Nord

Una posizione non condivisa da Sgarbi: "Altrettanto ambigua è la sinistra. Non è netta la posizione rispetto ad Israele. L'antisemitismo di sinistra è più grave di quello di destra".

Per Sgarbi la Segre non dovrebbe correre rischi

"La scorta alla Segre - ha sottolineato Sgarbi - è l'ammissione che c'è un rischio che non vedo. Le minacce che riceve Salvini e che ricevo io da quando ero Sindaco a Salemi sono più gravi ancora.

Io non ho una scorta e non la chiedo. Questa donna straordinaria - ha proseguito - ha letto cose che le sono arrivate sui social che non leggeva. Quello è un mondo di gente violenta. Sono dei disperati co... che insultano chiunque, perché usano quello strumento".

Lilli Gruber, a quel punto, ha sottolineato la differenza tra le due figure, evidenziando come il critico d'arte abbia una "sovraesposizione pubblica molto provocatoria, molto diversa da Liliana Segre".

Novità video - Salvini: incontrerò presto Liliana Segre
Clicca per vedere

"Lei è un senatore a vita - ha evidenziato Sgarbi - che ha una funzione importante, che ha ricevuto minacce come le ha ricevute Salvini. Dare troppo peso a quelli vuol dire farli esistere. Non bisognava le fosse data la scorta, perché spero siamo così avanti che lei non corra rischi".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto