Salta il taglio dei vitalizi al Senato. La commissione Contenziosa, organismo tecnico di Palazzo Madama, ha infatti votato a maggioranza a favore dell’annullamento della delibera che nel 2018 aveva dato una sforbiciata ai vitalizi degli ex senatori che ora, se non verranno presi ulteriori provvedimenti, dovranno vedersi restituire anche gli arretrati. Fra i tre dei cinque membri della commissione favorevoli al blocco del taglio dei vitalizi c’è anche il presidente, il senatore di Forza Italia Giacomo Caliendo, il quale si giustifica dichiarando di aver semplicemente applicato la legge.

I cinque membri della commissione che ha bloccato il taglio dei vitalizi

Oltre al già citato Giacomo Caliendo, che ricopre il ruolo di presidente dell’organismo, la commissione Contenziosa è formata da altri quattro membri. I due esponenti leghisti, Simone Pillon e Alessandra Riccardi (quest’ultima passata da pochi giorni al Carroccio dopo aver abbandonato il M5s) hanno votato contro il blocco della delibera. Allo stesso modo di Caliendo, invece, si sono espressi due cosiddetti "tecnici" di Palazzo Madama che rispondono ai nomi di Gianni Ballarani e Giuseppe Dalla Torre. Con il ripristino dei vitalizi per gli ex senatori, dunque, dovranno essere restituiti loro anche gli arretrati non versati dall’ottobre 2018.

Vitalizi: le reazioni politiche

Nonostante il blocco del taglio dei vitalizi sia passato in commissione Contenziosa, la reazione negativa della Politica è stata praticamente unanime, ad eccezione ovviamente di Forza Italia e di qualche partito minore. “Sono senza parole", si sfoga l’ex capo politico del M5s Luigi Di Maio che si scaglia contro coloro che in questo momento stanno festeggiando.

"Abbiamo già abolito i vitalizi e non abbiamo alcuna intenzione di ripristinarli”, conclude Di Maio.

Ma anche il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, critica il voto della commissione definendolo una "scelta insostenibile e sbagliata" e ricordando che, mentre l'erogazione della cassa integrazione ritarda, certi politici pensano a reintrodurre i vitalizi".

Le dichiarazioni di Giacomo Caliendo

Intanto, però, il presidente della commissione Contenziosa, Giacomo Caliendo, prova a giustificare il voto sui vitalizi. È lui infatti ad essere al centro dell’attenzione mediatica, visto che risulta essere il volto più noto dei tre protagonisti della vicenda. Il senatore di Forza Italia ricorda in una nota che i vitalizi erano già stati aboliti con una delibera datata 31 gennaio 2012, votata anche dal suo partito. La delibera del 16 ottobre 2018, invece, avrebbe stabilito solo tagli di minore entità. Comunque sia, precisa Caliendo, la commissione da lui presieduta è un “organo giurisdizionale che applica la legge e non può modulare le proprie decisioni in base a convinzioni politiche”.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!