La settimana scorsa su Netflix é uscita l'attesissima seconda stagione di Suburra, che in questi giorni sta ottenendo un ottimo riscontro da parte della critica e del pubblico.

La serie è caratterizzata da una colonna sonora fortemente hip hop, oltre che marcatamente romana, come era ovvio che fosse dato che Suburra racconta il sottobosco capitolino. In buona sostanza il cosiddetto 'mondo di mezzo' che collega e crea commistioni tra politica, affari e criminalità organizzata, un universo in cui si muovono ed interagiscono tra loro amministratori della cosa pubblica, imprenditori e delinquenti di strada.

I brani scelti sono infatti figli delle penne di vari noti esponenti hip hop, tutti rigorosamente romani, ovvero Amir, i Brokenspeakers, i Cor Veleno e i Colle Der Fomento.

La colonna sonora però non rappresenta l'unico collegamento tra Suburra e il Rap. Il rapper più citato in questi giorni da parte degli appassionati della serie è infatti Salmo. Quest'ultimo, in seguito ad un post a dir poco equivoco, caricato sulla sua popolarissima pagina Instagram – e interpretato male non solo dai fan, ma anche da alcuni canali di informazione – è stato sostanzialmente 'scambiato' per uno degli attori della serie nonostante non vi abbia preso parte né come attore né come autore di uno dei brani della colonna sonora.

La colonna sonora di Suburra è un tributo al rap romano

Se la prima serie di Suburra era stata caratterizzata dalla sigla, costituita da un brano di un noto esponente hip hop capitolino, ovvero Piotta, presente nella serie con '7 vizi capitale', la seconda stagione può vantare ben sei tracce riconducibili al rap romano.

Su tutti spicca la sigla di tutti e otto gli episodi, ovvero "Alti e bassi", pezzo dei Brokenspeakers e dei Colle Der Fomento.

Oltre alla sigla, nelle puntate sono presenti altri tre brani dei Brokenspeakers ovvero 'Cammina con me', 'Da vicino' e 'Ancora giorni freddi' – in quest'ultimo cantano solo Coez e Lucci – ma anche il pezzo 'Questa è Roma' di Amir e 'Buona Pace' dei Cor Veleno.

Il troll di Salmo, noto anche come 'Er Giaguaro'

"Sorpresa, sono Er Giaguaro, uno dei protagonisti della nuova stagione di Suburra". Con queste parole Salmo aveva convinto molti suoi fan di aver recitato nella serie.

Conoscendo l'imprevidibilità del personaggio e la sue doti attoriali, già dimostrate in alcuni spot e cortometraggi, in molti hanno preso la dichiarazione di Salmo – accompagnata da una foto che attestava la sua presenza al party di presentazione della serie – per buona.

Tutt'ora sui social è possibile imbattersi in persone convinte che Salmo abbia recitato in Suburra 2.

Tanti altri, però, conoscendo ancor meglio l'imprevedibilità del personaggio, nonché l'attitudine dissacrante, hanno preferito verificare l'informazione che alla fine si è rivelata poi essere in tutto e per tutto non veritiera.

A confermarlo nei giorni seguenti i tanti, incluso chi scrive, che hanno divorato tutta la serie nel giro delle prime 48 ore dall'uscita, senza aver mai notato la presenza, neppure minima, di Salmo.

Segui la nostra pagina Facebook!