Il cervello (encefalo), è un tessuto gelatinoso (con peso specifico che varia da 1.300 - 1.500 grammi) composto da 100 miliardi di cellule (i neuroni) e ognuna è in grado di sviluppare in media 10 mila connessioni con le altre cellule vicine. L'encefalo è il risultato della sovrapposizione dei tre tipi di cervello apparsi nel corso dell'evoluzione dei vertebrati. Alla base del cranio, il cervello più antico (romboencefalo) comprende il cervelletto e le parti del midollo spinale, ha funzioni involontarie come: la vigilanza, la respirazione, la circolazione e tono muscolare.

Nello strato intermedio, c'è il mesencefalo costituito dai peduncoli cerebrali e dalla lamina quadrigemina. In fine il prosencefalo, chiamata sistema limbico (suddivisa in diencefalo e telencefalo) contenente strutture come talamo, ipotalamo, ipofisi e ippocampo, da cui provengono sensazioni come: fame, sete o desiderio sessuale. In fine c'è la corteccia, dove hanno sede le funzioni dell'intelligenza e del linguaggio.

La tanto famosa materia grigia, occupa la parte più piccola del cervello, e ricopre soltanto la superficie, mentre la materia bianca, occupa il restante volume, composta di assoni che hanno il compito di collegare le varie parti della materia grigia. Il cervello continua a creare neuroni per tutta la vita, e fa 70.000 pensieri al giorno.

I ricercatori hanno compiuto uno studio per analizzare le reazioni cerebrali di due gruppi di soggetti (uno con una vita sessuale normale e l'altro con comportamenti sessuali compulsivi) mediante l'utilizzo della risonanza magnetica, mettendoli difronte a video pornografici e a video sessualmente neutri, come gare sportive.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Dopo aver confrontato i vari risultati, emerge che i video pornografici attivavano nel gruppo con comportamenti sessuali compulsivi aree cerebrali (il corpo striato ventrale e l'amigdala) allo stesso modo di quelle dei tossici dipendenti alla vista della droga. Quindi in entrambi i casi, i meccanismi centrali della dipendenza dal sesso, sono analoghi a quelli della tossicodipendenza, come dimostra uno studio condotto dall' University of Cambrige e pubblicato sul Pols One.

Il comportamento sessuale compulsivo può riguardare fino a una persona ogni 25, con differenti gradi di gravità e conseguenti difficoltà a vivere una normale vita di relazione. I sesso dipendenti sono ossessionati dal sesso a tal punto da non poter far a meno di pensarci e di desiderare di fare attività sessuale in ogni momento della giornata. Guardare video hard in continuazione purtroppo fa rimpicciolire il cervello, affievolendo anche la percezione degli stimoli sessuali reali.

Non è provato che questo possa essere un rapporto casuale ma è la prima volta che si trova un collegamento tra fruizione regolare di contenuti hard e danneggiamenti fisici. Simone Kuehn, autore principale dello studio, afferma che è stata provata un'associazione tra visione di porno e dimensioni del cervello, ma che al momento non si può dimostrare una relazione di causa effetto. Ma una spiegazione alternativa ai risultati potrebbe essere che chi trascorre più tempo a guardare video di pornografia è nato con un certo tipo di cervello.

Kuehn ha precisato: "Abbiamo scoperto che il volume del cosiddetto striatum era tanto più piccolo quanta più pornografia consumavano i pazienti. Quindi più porno si guarda e più queste aree del cervello sono meno attive, perdendo la percezione effettiva di veri stimoli sessuali".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto