Il pacemaker è un dispositivo progettato per trattare brachicardie del battito cardiaco lento, permettendo di aumentare il battito al fine di soddisfare le richieste di ossigeno del corpo umano. Questo dispositivo è un piccolo involucro di metallo contenente un circuito elettronico e una batteria. Ha il compito di monitorare costantemente il cuore, e inviare un impulso elettrico in grado di stimolare il muscolo cardiaco, qualora il ritmo risultasse rallentato o irregolare.

Quando parliamo di pacemaker, ci riferiamo a un sistema di pacing composto da tre parti: un generatore d'impulsi (cuore del pacemaker) di metallo, contenente un circuito elettronico e una batteria. Un elettro catetere (filo isolato), che conduce l'impulso elettrico dal pacemaker al cuore, per regolarizzare la frequenza cardiaca. Il terzo componente (che non viene impiantato nel corpo umano) è il programmatore, un computer speciale, situato presso l'ospedale o la clinica dov'è stato operato il paziente.

L'infermiere o il medico utilizza questo computer per monitorare il funzionamento del pacemaker, e se lo ritiene necessario, ne regola le impostazioni.

Potrebbe essere proprio un gene a mandare definitivamente in pensione il pacemaker utilizzato fino ad ora. In futuro si prevede che il corpo umano si auto riparerà da solo, grazie al trapianto di geni. La ricerca è stata compiuta su alcuni maialini da laboratorio, affetti da un completo blocco cardiaco.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Mediante un catetere (procedura poco invasiva) alle cavie, è stato iniettato il gene TBX18, e già dopo un paio di giorni si è notato che il gene aveva raggiunto il cuore, aumentando il battito cardiaco, e che il ritmo era rimasto costante nei successivi 14 giorni di monitoraggio, rispetto a maialini non trattati.

Questa tecnica mini-invasiva ha dimostrato che il trapianto del gene aveva stimolato le cellule staminali del cuore a differenziarsi e diventare un pacemaker biologico in grado di controllare il ritmo cardiaco in modo efficiente.

La ricerca è stata sviluppata presso il Cedars-Sinai Heart Institute di Los Angeles e pubblicata su Science traslation medicine, Il coordinatore del gruppo di ricerca Eduard Marbon, spiega: "E' la prima volta che si è riusciti a creare un pacemaker biologico, e riprogrammare le cellule cardiache, di animali viventi, in grado di curare in modo così efficiente una patologia simile. I risultati ottenuti, tra tre anni circa, potrebbero portare a sperimentazioni su esseri umani, con problemi di ritmo cardiaco lento e che soffrono di effetti collaterali, come infezioni provocate dal pacemaker trapiantato, o addirittura, ad aiutare i bambini con malformazioni cardiache congenite ad avere un'aspettativa di vita migliore".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto