Quando si parla diDislessia, meglio ancora se utilizziamo i terminiDSA-Disturbi specifici dell'apprendimento così come riportato nell'odierna versione del DSM, si fa riferimento ad un disturbo del neurosviluppo, con origine genetica ed ambientale, caratterizzato da deficit a carico dei processi deputati al processamento di informazioni verbali e non.

Stando alle stime della American Psychological Association, i DSA colpiscono dal 5 al 15% dei bambini in età scolare, cioè quando viene richiesta l'acquisizione di competenze nella lettura, scrittura e nelle abilità di calcolo.

Solitamente preceduti anche da disturbi dell'attenzione e delle attività motorie, i disturbi specifici dell'apprendimento non possono essere giustificati da disabilità intellettive, avversità psicosociali, istruzione inadeguata o da altri disturbi mentali, ma provocano un'importante interferenza con il rendimento scolastico e lavorativo del soggetto.

La riabilitazione, pertanto, è un tema di cruciale importanza su cui la neuropsicologia continua ad interrogarsi tutt'oggi e la scoperta di nuove strategie di intervento, volte a migliorare il benessere del paziente, un obiettivo irrinunciabile.

Ed è ciò a cui hanno puntato i ricercatori dell'Ospedale pediatrico "Bambino Gesù", con la collaborazione del Laboratorio di Stimolazione Cerebrale "Santa Lucia", nei giorni scorsi, proponendo uno studio che è stato pubblicato sulla rivistaRestorative, Neurology and Neuroscience.

Partendo dal presupposto che i pazienti con diagnosi di dislessia presentano un'ipoattivazione corticale,cioè una riduzione della normale attività cerebrale, si è ipotizzato che stimolando queste aree soggette ad ipoattività si potesse ridurre la sintomatologia; per tale ragione si è utilizzato uno strumento già sfruttato per casi di epilessia e depressione: latDCS - Stimolazione Transcranica a Corrente Diretta.

Sebbene la ricerca abbia sfruttato un campione piuttosto esiguo - meno di 20 soggetti con diagnosi di dislessia - i risultati che sono stati proposti, risultano essere decisamente incoraggianti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza

Ai 19 partecipanti veniva chiesto di eseguire attività volte a valutare la velocità e la correttezza di lettura, ma solo dopo esser stati casualmente assegnati al gruppo sperimentale (che avrebbe ricevuto il trattamento attivo con tDCS) o al gruppo di controllo a cui sarebbe stato destinato il trattamento placebo. Il tutto sarebbe durato per 18 incontrati, suddivisi in 3 trattamenti settimanali da 20 minuti.

Passate le 6 settimane, il gruppo sperimentale ha mostrato,nel60% dei casi, un miglioramento stabile, anche a distanza di 6 mesi dall'ultimo trattamento, del quadro sintomatologico con conseguente riduzione dell'intensità dei sintomi.Nel gruppo di controllo, invece, al quale era stato assegnato un trattamento placebo, non si è notato miglioramento alcuno.

Stefano Vicari, il responsabile del reparto di Neuropsichiatria del "Bambino Gesù", si è mostrato ottimista in merito a questa nuova scoperta affermando che "Si tratta di uno studio preliminare i cui dati attendono di essere supportati da indagini su casistiche ancora più ampie (...)Questa ricerca può quindi aprire la strada a nuove prospettive di riabilitazione della dislessia, con una sostanziale riduzione dei tempi, dei costi della terapia e del disagio per le famiglie nel dover sostenere lunghi percorsi di cura e di ridotta efficacia documentata"

Per quanto quest'ottimismo non sia in grado di contagiare tutte le parti coinvolte - su varie piattaforme internet è già possibile leggere qualche perplessitàin merito - non ci rimanere che aspettare ed essere spettatori di una scoperta tutta italiana.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto