I ricercatori della Radboud University in Olanda hanno realizzato i nanorazzi, capaci di veicolare un determinato farmaco direttamente nel distretto corporeo da trattare. Sono delle particolari capsule create con un materiale di consistenza simile alla gomma il quale permette a questi veicolatori di cambiare forma e di sostenere senza difficoltà l'eventuale carico farmacologico da trasportare. Le nanomacchine sono dotate di specifici "freni" e "manubri" che si attivano in ambienti con alte temperature, le stesse che si creano nelle zone malate del corpo umano.

Come funzionano?

Gli studi dei ricercatori sono stati fedelmente riportati dalla rivista scientifica "Natural Chemistry", la quale ha descritto la funzionalità dei "freni" dei nanorazzi: sono delle piccole spazzole situate sulla superfice degli stessi che rispondono gonfiandosi o comprimendosi in relazione alla tipologia d'ambiente in cui si trovano. In tal modo le spazzole regolano l'accesso del combustibile, ovvero l'acqua ossigenata: ad una temperatura, per esempio, di 30° i freni si contraggono chiudendo la valvola ed arrestando, così, l'attività dei nanomacchine.

In un'altra pubblicazione su "Advanced Materials", viene descritto il compito degli sterzi i quali non sono altro che campi magnetici che consentono ai nanorazzi di muoversi nello spazio circostante. Ciò avviene in virtù del nichel presente, materiale che costituisce il nucleo dei dispositivi. Grazie a questo metallo i nanorazzi possono essere indirizzati verso il distretto corporeo desiderato anche con l'influenza di campi magnetici di bassa intensità.

I dispositivi, tuttavia, sono ancora in fase di sperimentazione ed il progetto che ne prevede il miglioramento delle prestazioni consiste nel renderli sensibili alla luce in modo tale da essere guidabili mediante i raggi laser. Altro punto fondamentale da rivedere e perfezionare è la questione legata alla biodegradabilità, non ancora effettiva, e ciò rappresenta un requisito fondamentale per la loro immissione nel corpo umano.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto