Secondo la WHO (World Health Organization) gli individui in sovrappeso e obesi stanno aumentano rapidamente nel mondo; pertanto progrediscono ricerca e sviluppo di integratori e alimenti funzionali per prevenire l’obesità e soprattutto l’accumulo di grasso viscerale (obesità centrale o addominale).

L’obesità addominale è, infatti, un fattore di rischio di comparsa dell’insulino resistenza (intolleranza al glucosio), dislipidemia, ipertensione, iperuricemia, gotta e aterosclerosi.

Pubblicità
Pubblicità

I ricercatori dell’Institute of Health Sciences di Osaka (Giappone), in un lavoro pubblicato nell'agosto 2018, hanno dimostrato che un integratore a base di estratto di paprika (contenente xantofille) ha diminuito in modo significativo questo tipo di grasso in 100 pazienti in sovrappeso.

I soggetti reclutati, suddivisi in due gruppi, sono stati trattati per 3 mesi con una pillola di estratto o placebo (gruppo di controllo).

Al termine dello studio, nel gruppo ricevente l’integratore a base di paprika, è stata osservata una minore quantità di grasso addominale, grasso sottocutaneo e livelli più bassi di colesterolo LDL rispetto al gruppo di controllo, senza alcun effetto indesiderato.

Estratto di paprika riduce grasso viscerale e sottocutaneo.
Estratto di paprika riduce grasso viscerale e sottocutaneo.

Azione antiossidante dei carotenoidi

Gli studi clinici hanno finora riportato che la longevità può essere maggiore in soggetti che riescono a mantenere un BMI (indice di massa corporeo) appropriato, anche con l’aiuto di sostanze ad azione antiossidante come i carotenoidi.

Questi sono pigmenti naturali presenti in vari ortaggi e frutti, classificati come caroteni e xantofille, entrambi potenti antiossidanti.

La paprika in particolare ha evidenziato la presenza di xantofille come beta-criptoxantina, zeaxantina cucurbitaxantina A, e viene considerata, dunque, un alimento funzionale in grado di moderare il rischio di obesità, diabete e aterosclerosi.

Pubblicità

Studio clinico

I ricercatori giapponesi hanno verificato se l’assunzione di xantofille estratte dalla paprika rossa potesse agire sul grasso addominale di volontari in sovrappeso, di età superiore a 20 anni e con BMI compreso tra 25 e 30 kg/m2.

I partecipanti, ai quali era vietato il consumo di alcol, venivano assegnati alla somministrazione orale di capsule di xantofille di paprika (9 mg al giorno) o placebo per 12 settimane, una volta al giorno dopo il pasto serale.

Il grasso viscerale veniva valutato mediante tomografia computerizzata, la massa grassa sottocutanea con bioimpedenziometria.

Al termine dello studio, grasso, colesterolo e BMI, misurati nel gruppo ricevente le xantofille, erano nettamente inferiori rispetto ai valori riscontrati nel gruppo di controllo.

Leggi tutto e guarda il video