(OSTIA) Si sono svolti al Palafijlkam di Ostia, sabato 30 e domenica 31 gennaio 2016 i campionati Italiani di Karate per rappresentative regionali. In questoanno l'Abruzzo, come da previsione, è riuscito a presentare una squadra degna di risultato. Sotto la guida del Maestro Marco Ruggieri e l'allenatore Leonardo Pingelli il Centro Tecnico Regionale Abruzzo ha avuto una nuova vita, intensificando gli incontri di allenamento, spronando anche i ragazzi a sacrificarsi per allenamenti durante i fine settimana e approntando degli esercizi specifici per migliorare le qualità sia degli atleti già titolati e sia dei germogli che saranno il futuro abruzzese del Karate.

L'Abruzzo schiera sul campo 6 squadre, 4 per il kumitè e 2 per il Kata. Le squadre del Kata non hanno portato alcun risultato, nonostante fossero state preparate dalla Maestra Anna Micomonaco, che è il punto di riferimento del Kata Abruzzese per bravura ed esperienza.

E' poi il turno del Kumitè maschile

Nonostante le speranze di podio, scende il buio totale sia per le nuove leve che per gli atleti più titolati; si registra solo la buona gara diFrancesco Buccionenella categoria -94kg, che non è da poco in quanto la competizione è di livello nazionale. Si poteva sicuramente fare meglio a giudicare dai miglioramenti dimostrati in sede di allenamentoper tuttiicomponenti della rappresentativa.

E' la squadra femminile a riportare la luce

Si inizia con il capitano della squadra abruzzese Sara Reati,che arriva ad un quinto posto nella -68kg, dopo i vani sforzi di Cinzia Di Carlo e Ilaria Marcelli. SegueGiada Ciofani, nonostante i miglioramenti eccezionali che le hanno blindato il posto in squadra, specialmente dopo il podio all'Open di Campania 2015, non ha ottenuto risultato; Cinzia Brogneri, un'altra delle atlete di punta abruzzesi, riporta anche lei l'ennesimo quinto posto nella -53kg, dovuto forse anche al fatto che un colpo subito all'anca, doloroso ma senza conseguenze, non le ha poi permesso di esprimersi al massimo.

Per la sagra dei quinti posti si accoda anche Giulia Kaculi per la categoria +66 kg dimostrando un'ottima padronanza di tutte le tecniche; quando sembrava che l'Abruzzo tornasse a casa senza metalli arriva il bronzo di Giorgia Di Cosimo nella categoria -66kg; e la regione può quindi esultare tramite questa atleta bella, brava, tenace che non si è mai deconcentrata e ha messo a frutto tutti i consigli sentiti e le tecniche apprese sia durante gli allenamenti che nel pre-gara.

L'Abruzzo non si accontenta di una sola medaglia e anche con Elisabetta Pratiper la -50 kg arriva il bronzo. L'appuntamento è per il 2017 e in un anno il vento può cambierà direzione gonfiando le vele del veliero del Karate abruzzese.