Approfittando della pausa tra la prima e la seconda metà della sua stagione, Peter Sagan è tornato a pedalare in mountain bike, la disciplina con cui si è avvicinato alle due ruote. Il campione slovacco ha partecipato ad una gara in Austria, ma il suo ritorno non è stato particolarmente felice. Sagan è infatti caduto enonè riuscito a terminare la corsa dopo aver danneggiato la sua Specialized.

Sagan di nuovo in mountain bike

Archiviata con i successi alla Gand Wevelgem e al Giro delle Fiandre la campagna del nord, Peter Sagan si sta godendo un mese di meritato riposo dall’attività agonistica.

Il Campione del Mondo ha avuto il via libera dalla sua Tinkoff per poter partecipare a due gare di mountain bike in Austria e Repubblica Ceca. Sagan ha debuttato nel Ciclismo proprio grazie alla mountain bike, vincendo anche un titolo mondiale juniores. Poi, dopo l’arrivo nel ciclismo su strada aveva dovuto lasciar perdere le amate ruote grasse. Sagan ha vissuto così con grande soddisfazione questo ritorno alle origini, che però non è stato molto felice. Dopo aver ben pedalato nelle fasi iniziali e centrali il campione slovacco è infatti incappato in una caduta. Sagan ha riportato solo qualche escoriazione superficiale, ma ha dovuto abbandonarela corsa visto che la sua Specialized è rimasta danneggiata nella caduta.

Ora PeterSagan concluderà la sua parentesi nel fuoristrada partecipando ad una gara in Repubblica Ceca.

Il ritorno alla strada in California

Peter Sagan ha concluso la sua prima parte di stagione con la sfortunata Parigi Roubaix chiusa all’11° posto. Il Campione del Mondo tornerà a correre al Giro di California, un appuntamento tradizionale nel suo personale calendario.

La corsa a tappe americana scatterà il 15 maggio. Sagan dovrebbe poi rifinire la condizione al Giro di Svizzera per farsi trovare pronto peril Tour de France in cui cercherà l’ennesima maglia verde e quella vittoria di tappa sfuggita più volte nella scorsa edizione. L’evento clou della parte finale della stagione sarà invece il Mondiale in Qatar ad ottobre, dove cercherà di difendere il titolo conquistato lo scorso settembre a Richmond.