Non c'è pace per la Astana: la formazione kazaka è ancora scossa dopo lagiornata no di Vincenzo Nibali alla cronoscalata dell'Alpe di Siusi, che potrebbe compromettere seriamente il cammino del siciliano nell'edizione numero 99 del Giro d'Italia, e ora è costretta ad affrontare anche un altro ostacolo: l'accusa di un'azienda di abbigliamento, che ha prodotto dei capi per il team e dice di non essere mai stata pagata. Un affare da 200 mila euro.

Le accuse ad Astana

A innescare la scintilla è MGS Group, un'azienda di Rivoli (vicino a Torino, dove si concluderà il Giro d'Italia 2016) che nel luglio del 2015 ha ricevuto da un intermediario di Astana, appunto, la richiesta di produrre capi sportivi: t-shirt e pantaloncini, tute e giubbotti, cappellini, oltre a camicie e bermuda. MGS Group haconsegnato il tutto a lavoro finito, peraltro nel pieno rispetto dei tempi, ma da quel giorno sta ancora aspettando che il team Astana passi a saldare il conto, mentre ad oggi non ha ottenuto altro che promesse.

Il titolare dell'azienda, raggiunto da Torino Today, è su tutte le furie: "Siamo stati raggirati in maniera vergognosa, e la squadra di Ciclismo è complice perché ha finto e continua a fingere di non conoscere i comportamenti tenuti dai suoi intermediari".

Un epilogo in tribunale?

Il danno è ingente: c'è merce che già viene utilizzata dai ciclisti del team Astana e ce n'è altra prodotta in grandi quantità e ancora ferma nei magazzini, perché non è stata mai ritirata.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

MGS Group ha sollecitato più volte il pagamento ed è anche riuscita a incontrare il general manager del team,Aleksandr Vinokurov, ma nonostante le ampie rassicurazioni ottenute non è ancora venuta a capo della faccenda, e ora ha sporto querela nei confronti degli intermediari coinvolgendo anche Astana.

I ciclisti non sono coinvolti nella vicenda se non in misura marginale, dato che a quanto pare utilizzano i capi d'abbigliamento ma non possono certo controllare come questi sono stati prodotti, e se sono stati pagati; di certo, però, c'è questa notizia non fa che alimentare l'aria pesante che c'è intorno alla squadra in questi frangenti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto