Al Giro d’Italia 2016 torna la passerella finale: se lo scorso anno fu Milano a ospitare la tappa conclusiva, per via della fortunata coincidenza con Expo, stavolta tocca a Torino, che ha messo sul piatto 120mila euro per riuscire a strappare alla concorrenza il privilegio della kermesse conclusiva.

La Cuneo-Torino arriva dopo un trittico terribile, con la tappa della Cima Coppi e quella dei 4 colli con traguardo (in salita) a Sant’Anna di Vinadio, e l’atmosfera promette di essere quella dell’ultimo giorno di scuola, con risate, scherzi, brindisi in gruppo e onori alla maglia rosa.

Percorso e altimetria

Anche l’orario della partenza del Giro 2016 da Cuneo è quello che preannuncia l’arrivo delle (meritate) vacanze: 12.45, con tutta calma. Sempre con calma si fa una puntatina verso Sud, Roccavione e Rivoira, e poi si punta con decisione a Nord per andare dalla “Provincia Granda” (quella di Cuneo è la più estesa d’Italia) verso Torino, passando da Savigliano, Racconigi (col suo splendido Castello), poi Carmagnola, Villastellone - sede del rifornimento - Nichelino e l’ingresso a Torino per il circuito finale.

Il punto chiave

E’ questo, naturalmente, il punto chiave della Cuneo-Torino: 8 giri da 7,5 km l’uno per dare il massimo della visibilità alle meraviglie della prima capitale d’Italia.

Si entra dalla rotonda di Piazza Muzio Scevola, e si segue il tracciato disegnato all’interno del Parco del Valentino e a cavallo degli argini del Po, i cosiddetti Murazzi di Torino.

Il gruppo sfreccerà dietro al Borgo Medievale, davanti al Castello del Valentino su viale Virgilio, quindi attraverserà il Ponte Umberto I (che resterà chiuso al traffico per tutto il pomeriggio) prima di imboccare corso Moncalieri, dove è posto il primo passaggio sotto lo striscione del traguardo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

In realtà, prima dello sprint finale bisognerà completare appunto per 8 volte il circuito, che continua su via Villa della Regina - dove c’è una rampetta all’8%, giusto per ingolosire quei coraggiosi che non vogliono rassegnarsi a un finale già scritto - e poi scende attraverso il Corso Giovanni Lanza prima di ripiombare su Corso Moncalieri.

I disagi al traffico dovrebbero essere piuttosto contenuti, anche se la tappa finale del Giro 2016 si sviluppa nel vero cuore di Torino per poter essere una straordinaria cartolina promozionale e turistica della città negli oltre 150 Paesi del mondo dove la corsa viene trasmessa.

L’occasione è troppo golosa perché i velocisti possano lasciarsela sfuggire, e crediamo che non lo faranno anche perché potrebbe esserci ancora in ballo qualcosa di grosso come la maglia rossa della classifica a punti.

Per la maglia rosa, invece, questi ultimi 163 km segnano solo il bagno di folla prima del trionfo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto