Era solo un criterium, poco più di un’esibizione, ma Peter Sagan ha dato le ultime pedalate della stagione vincendo ancora. La Società del Tour de France ha organizzato anche quest’anno in Giappone il Criterium di Saitama, una corsa in circuito cittadino. Al via un gruppetto di campioni, tra cui Sagan e Froome, e alcuni corridori locali. Dopo poco più di un’ora di corsa il Campione del Mondo ha levato le braccia al cielo sul traguardo, tornando poi a parlare della sua strepitosa stagione.

Saitama, Sagan davanti ad un giapponese

Il Criterium di Saitama sta diventando ormai un appuntamento tradizionale per il finale di stagione.

La ASO, la Società del Tour de France, lo organizza con grande successo invitando i campioni del grande Ciclismo a pedalare in una gara che è soprattutto un grande spettacolo e un appuntamento promozionale. Anche quest’anno il circuito cittadino di Saitama è stato invaso da una folla eccezionale, arrivata ad applaudire campioni come Sagan, Froome, Bardet, Majka e Kittel. Il gruppo ha percorso 19 giri di un breve circuito cittadino, regalando un bello spettacolo. Nel penultimo passaggio è nata l’azione decisiva, con Peter Sagan che è poi andato a battere in volata il giapponese Shao Hatsuyama, Chris Froome e Adam Yates.

Sagan: “Questione di fortuna”

Al termine della corsa Peter Sagan è tornato a parlare della sua eccezionale annata, in cui ha vinto il Giro delle Fiandre, tre tappe e la maglia verde del Tour de France il secondo titolo iridato consecutivo.

Per il campione slovacco il motivo per il quale in un anno sono arrivati tutti questi successi è molto semplice: “E’ cambiata la fortuna. Forse non ho vinto così tanto, ma ho vinto delle grandi corse. Forse ho avuto solo fortuna” ha spiegato Sagan “L’anno prossimo farò lo stesso programma, ma se vincerò di meno tutti potranno dire che è un brutto anno e cose del genere”.

Questa è stata l’ultima apparizione di Sagan con la maglia della Tinkoff: dal 2017 il Campione del Mondo correrà con la Bora Hansgrohe, con cui ha firmato un contratto triennale.