Dopo il primo successo in carriera di Valtteri Bottas nello scorso gran premio di Russia, il circus della Formula Uno torna in Europa (Sochi non è considerato un circuito europeo malgrado geograficamente lo sia, ndr) sullo storico tracciato del Montmelò in Catalunya per il Gp di Spagna. Come da tradizione, il circuito catalano, sede dei test invernali, è anche l'appuntamento in cui tutti i team portano il primo vero pacchetto di aggiornamenti aerodinamici e grande curiosità c'era soprattutto nel vedere la Mercedes chiamata a riscattarsi dopo un avvio di campionato che l'ha vista soccombere già due volte a discapito di una super Ferrari e solo grazie all'exploit di Bottas è riuscita ad evitare il tracollo anche in Russia, dove comunque Lewis Hamilton si è beccato oltre 30'' di distacco.

Stavolta però l'inglese tre volte campione del Mondo non ha voluto sentire ragioni; ha sofferto lo start bruciante di Vettel che ha tenuto la testa fino al primo pit stop al 14° giro. Sosta molto anticipata che ha riportato il tedesco dietro la Mercedes di Bottas che ha resistito fino al 25° giro, permettendo ad Hamilton di recuperare secondi preziosi. La Virtual Safety Car al 34° giro fa il resto; Hamilton va dentro al 36° recuperando 3'', Vettel un giro dopo a VSC finita, rientra davanti di un niente, con tanto di battaglia in curva 1, ma dopo 6 giri di studio, the Hammer piazza la mossa sul rettilineo al 43° giro con Vettel che via radio ammette "no chance".

Seconda vittoria stagionale per Hamilton dopo il gran premio di Cina, chiude il podio Daniel Ricciardo, per la prima volta in stagione. In classifica Vettel rimane davanti con 104 punti contro i 98 di Hamilton.

GP giro per giro

GIRO 66/66 HAMILTON VINCE IL GP DI SPAGNA - Trionfa Hamilton a Barcellona, 2° Vettel, 3° Ricciardo.

GIRO 65/66 - Foratura per Magnussen che esce così dalla zona punti, mentre Hamilton inizia l'ultimo giro in carrozza.

GIRO 64/66 - 1:23.593 per Hamilton, giro veloce.

GIRO 63/66 - Recupera 0''7 Vettel, mentre Hamilton doppia Ericsson.

GIRO 62/66 - Alonso si scatena nel finale, salta in scioltezza le due Williams, ma è 13°.

GIRO 61/66 - 5 giri al termine, Hamilton mantiene i 4'' di vantaggio.

GIRO 60/66 - Ancora problemi nel doppiaggio di Massa per Vettel, ma stavolta è il tedesco ad andare lungo e perde 1'' pieno.

GIRO 59/66 - Vettel recupera 0''7 ma adesso tocca a lui doppiare le Williams.

GIRO 58/66 - Se Hamilton non avrà un crollo improvviso delle gomme in questi ultimi giri, la vittoria sarà sua.

GIRO 57/66 - Vettel sembra essersi arreso, scende a 4''3 da Hamilton.

GIRO 56/66 - 10 giri al traguardo, 3''8 il vantaggio. A questo punto Hamilton non rientra più.

GIRO 55/66 - Sale a 3''5 il vantaggio di Hamilton.

GIRO 54/66 - Doppiato anche Perez, solo 3 piloti a pieni giri, prestazione mostruosa dei due in testa.

GIRO 53/66 - Team radio per Hamilton in cui si paventa la possibilità di fare la terza sosta.

GIRO 52/66 - Sembra intenzionato ad andare fino in fondo Hamilton con queste gomme; se vuole rientrare, ha ancora 3 giri, dopodiché non farebbe più in tempo a rimontare.

GIRO 51/66 - Allunga Hamilton a più di 2''5.

GIRO 50/66 - 2''3 tra Hamilton e Vettel.

GIRO 49/66 - Doppiato anche Ocon, Ricciardo 3° distante 55'', i primi due fanno un altro sport.

GIRO 48/66 - Dilemma per Hamilton, rientrare e montare un nuovo treno di soft e andare a riprendere Vettel o fare 30 giri con queste gomme. 1''9 il distacco da Vettel ora.

GIRO 47/66 - Hamilton si riporta ad 1''5. Intanto 5'' di penalità per Wehrlein per un'infrazione nell'ingresso in pit lane.

GIRO 46/66 - Vettel guadagna su Hamilton, 1''1 il distacco.

GIRO 45/66 - Risponde Vettel che fotocopia il tempo di Hamilton.

GIRO 44/66 - Hamilton porta il vantaggio già ad 1''6 in un solo giro da leader.

GIRO 43/66 - Hamilton in testa! Super staccata della Mercedes in fondo al rettilineo, Vettel non può nulla. 1:23.663.

GIRO 42/66 - Solo 5 piloti a pieni giri.

GIRO 41/66 - Resiste ancora Vettel, Hamilton si fa vedere negli specchietti ma per ora non attacca.

GIRO 40/66 - Hamilton si fa vedere ma non affonda l'attacco, Vettel deve fare attenzione nei doppiaggi.

GIRO 39/66 - Bottas fuori. Sembra aver ceduto il motore Mercedes del finlandese, Ricciardo diventa 3°.

GIRO 38/66 - Bagarre ora tra Vettel ed Hamilton, duello all'arma bianca tra i due.

GIRO 37/66 - Vettel ai box, montano la media in Ferrari e Vettel resiste in curva 1, rimane davanti con una mossa durissima.

GIRO 36/66 - Ancora fuori in Mercedes, Hamilton entra mentre termina la VSC, monta le soft.

GIRO 35/66 - Escono i meccanici Mercedes durante la VSC ma nessuno dei due piloti entra.

GIRO 34/66 VIRTUAL SAFETY CAR - Incidente Massa-Vandoorne in curva 1. Contatto simile a quello Verstappen-Raikkonen al via, McLaren ferma nella via di fuga con l'anteriore destra rotta.

GIRO 33/66 - Che rischio per Hamilton in curva 6 con Ericsson da doppiare. Perde 1''5 l'inglese.

GIRO 32/66 - Pit stop per Alonso che era 14°. Gara disgraziata malgrado la super qualifica.

GIRO 31/66 - Girano sugli stessi tempi ora Vettel ed Hamilton, 1:25.5 il passo di Vettel ed Hamilton.

GIRO 30/66 - E' salito a 6'' il vantaggio di Vettel su Hamilton, Bottas invece è a 28''.

GIRO 29/66 - Wehrlein è l'unico a non essersi ancora fermato, andrà per la sosta singola. E' 7° con la Sauber.

GIRO 28/66 - 1:24.696 giro veloce di Bottas con le medie, forse il finlandese non si ferma più.

GIRO 27/66 - Si ricompongono le posizioni pre-sosta, Vettel guadagna circa 0''4 al giro ma con una mescola di vantaggio.

GIRO 26/66 - Hamilton salta Bottas che si ferma ai box.

GIRO 25/66 - Vettel cattivissimo, passa dall'erba e salta Bottas in fondo al rettilineo principale, intanto Hamilton è a 4''.

GIRO 24/66 - Attacca Vettel ma Bottas si difende ed Hamilton recupera 2'' in un solo passaggio.

GIRO 23/66 - Adesso ci sono 7'' tra Vettel ed Hamilton ma la Ferrari deve superare Bottas al più presto se non vuole farsi rimontare.

GIRO 22/66 - Vettel ha preso Bottas, potrà attaccarlo sul rettilineo con il DRS.

GIRO 21/66 - Entra Hamilton ai box e monta le gomme medie. Riparte terzo.

GIRO 20/66 - Col valzer dei pit stop adesso al 5° posto c'è la Sauber di Wehrlein.

GIRO 19/66 - Vettel sembra essere sulle tre soste, Hamilton e Bottas sulle due.

GIRO 18/66 - Recupera un altro 1''9 Vettel su Hamilton che continua a girare.

GIRO 17/66 - 18''5 il distacco tra Hamilton e Vettel, in mezzo tra i due c'è Bottas.

GIRO 16/66 - 1:24.901 per Vettel con gomme nuove, Hamilton continua, strategia diversa.

GIRO 15/66 - Hamilton 1:25.701 non rientra ed anzi cerca di spingere ora che è in testa. Vettel salta Ricciardo.

GIRO 14/66 - Vettel ai box, riparte dopo 3''2 di sosta e con le soft il leader. Riparte 4° dietro Ricciardo. Duello in pit lane tra Magnussen e Sainz.

GIRO 13/66 - Alonso anticipa tutti e si ferma ai box. Esce ancora con le soft lo spagnolo.

GIRO 12/66 - Posizioni cristallizate, Hamilton recupera 0''1 anche in questo giro.

GIRO 11/66 - Team radio per Hamilton in cui si chiede all'inglese di ridurre il gap da Vettel, ora a 2''3.

GIRO 10/66 - L'unica grande battaglia è tra Magnussen e Sainz per 8° e 9° posto.

GIRO 9/66 - 1:25.806 giro veloce per Sebastian Vettel, 2''6 su Hamilton.

GIRO 8/66 - Bottas sta perdendo moltissimo, forse la sua auto non è al top dopo il contatto al via.

GIRO 7/66 - Sempre 2''5 tra Vettel ed Hamilton, 8''3 il distacco di Bottas, 12''2 Ricciardo.

GIRO 6/66 - Grande gara della Force India, Perez 5° e Ocon 6°.

GIRO 5/66 - Hamilton ha distanziato tanto Bottas.

GIRO 4/66 - 1:25.892 inizia a rispondere Lewis Hamilton.

GIRO 3/66 - Una delle vittime della prima curva è stato Alonso, finito nella ghiaia ed ora solo 11°. 1:26.210 per Vettel.

GIRO 2/66 - Vettel ha 2''5 su Hamilton, 1:26.584 per la Ferrari. Ricciardo si fa sotto su Bottas.

GIRO 1/66 - Vettel fa il vuoto alle sue spalle, poi le due Mercedes, 4° Ricciardo. Verstappen anche problemi di sospensione, fuori anche lui.

GIRO 0/66 PARTENZA - Vettel brucia Hamilton e contatto Raikkonen-Verstappen che perdono moltissime posizioni. Sospensione rotta per il finlandese che è subito fuori.

H 14.00 Parte il giro di formazione, si avviano tutte le vetture, tutti con le soft tranne Palmer, Kvyat e Vandoorne con le medie.

H 13.59 I meccanici stanno togliendo le termocoperte, meno di 1' al giro di formazione.

H 13.55 Inizia a rannuvolarsi il Circuit de Catalunya quando mancano solo 5' al giro di formazione.

H 13.50 Mancano solo 10' al via, il tempo delle ultime conversazioni face-to-face con gli ingegneri e poi tutti a bordo.

H 13.40 Quasi tutte le vetture hanno effettuato due giri di installazione prima di schierarsi. Ad ora non si registrano criticità per nessuno.

H 13.35 Nuvoloni minacciosi che si avvicinano. Le previsioni però danno solo un 25% di probabilità di pioggia.

H 13.30 Aperta la pit lane. Le auto stanno per uscire dai box per andare a schierarsi in griglia.

H 12.45 Alonso: "Spero di continuare come ieri, il 7° posto è una grande sorpresa. Il pubblico mi ha dato almeno un paio di decimi per ottenere questo risultato. Indianapolis sarà una sfida interessante, dovrò farmi trovare pronto già domani per le prove libere".

H 12.40 Bottas: "Non vedo l'ora di correre. Ieri ho mancato la prima fila per pochissimi millesimi ma oggi possiamo lottare fino all'ultimo minuto".

H 12.35 Vettel: "E' stata una mattinata difficile quella di ieri con il cambio del motore. In Q1 ho avuto il tempo per discutere con gli ingegneri e alla fine non abbiamo fermato la macchina è per poco non abbiamo fatto la pole". Raikkonen: "Abbiamo un buon passo. Di solito si dice che chi va forte qui, va forte dappertutto..."

H 12.30 Hamilton: "Il team ha fatto un gran lavoro per farmi fare la pole. Adoro la Spagna, siamo più vicini a casa ed è meraviglioso correre qui".

H 12.15 La prima notizia ufficiale del gran premio, ancor prima che i piloti escano per la Drivers' parade vede per protagonista la McLaren di Vandoorne che sarà penalizzato in griglia avendo dovuto sostituire la power unit Honda.

Le qualifiche

A Barcellona però il pilota inglese si è dimostrato subito in gran forma ed è andato a riacciuffare la pole position, cosa che non gli capitava da Shanghai, dove ha anche ottenuto l'unico successo stagionale fino ad ora.

Pole numero 64 quindi per Hamilton che si porta a solo una lunghezza di distacco da Ayrton Senna in questa speciale classifica. In prima fila accanto a lui ci sarà Sebastian Vettel che dopo i problemi in FP3, la sostituzione del motore e l'allarmante team radio durante la Q1 in cui gli era stato intimato di fermare l'auto lungo la pista, è riuscito a resettare tutto sulla sua Ferrari e girare a soli 0''051 di distacco dal poleman salvando un weekend che viste le premesse poteva essere tutto di passione e sofferenza. Seconda fila tutta finlandese con Bottas davanti a Raikkonen, che non riesce a ripetere la competitività vista nelle libere e terza fila tutta Red Bull protagonista di un deciso passo in avanti, soprattutto con Max Verstappen che ha fermato il suo crono a soli 0''267 dalla Ferrari di Raikkonen, distacco risicato e decisamente inferiore rispetto alle prime gare quando si aggirava ad oltre 1''. Meraviglioso Fernando Alonso nella gara di casa; malgrado i problemi incredibili alla power unit Honda, stacca un superbo 7° tempo e punta ad un risultato di prestigio prima di imbarcarsi per gli USA per correre la 500 miglia di Indianapolis.

La pista

Tracciato storico e molto complesso il Circuit de Catalunya, che alterna tratti veloci ad altri molto tecnici. Si parte con il lungo rettilineo da 1 km dove c'è anche la prima zona DRS che per l'occasione è stata addirittura allungata di 100 metri per permettere i sorpassi. Del resto, visto l'alto carico aerodinamico le velocità di punta non sono altissime, in qualifica nessuno è arrivato a 330 km/h. Al fondo c'è la prima grande staccata, la chicane Elf, una destra-sinistra dove nel 2007 ci fu il contatto al via tra Massa ed Alonso. Il tempo di premere l'acceleratore e ci si fionda in curva 3, la Renault, un lunghissimo curvone a destra da percorrere in pieno e dove nei test dello scorso anno Alonso ebbe quello strano incidente ancora oggi avvolto nel mistero. Brevissimo allungo con il punto del primo intermedio e ci si tuffa nella curva 4, la Repsol, dove l'anno scorso ci fu il patatrac tra le Mercedes. Si tratta di un curvone a destra lento in ingresso e poi da percorrere lasciando scorrere la vettura verso l'esterno per poi lanciarsi verso quella che una volta era la curva più lenta di tutto il tracciato, curva 5, la Seat, un tornantino a sinistra da 80 km/h.

Si esce dalla Seat e si scaricano un po' di marce prima di arrivare nella leggera piega di curva 6 che è il preludio alla velocissima chicane sinistra-destra che porta alla curva 9, la Camsa, una secca piega verso destra da oltre 200 km/h che apre sul secondo rettilineo dove troviamo il secondo intermedio e la seconda zona DRS. In fondo la stacca della curva 10, la Caixa che è stata modificata negli ultimi anni, non è più un curvone a sinistra ma due curve secche e lente che accompagnano poi alla curva 12, la Banc de Sabadell, una destra da percorrere lasciando scivolare l'auto per uscire forte prima dell'ultimo tratto lentissimo, a cominciare dalla 13, l'Europcar l'altra curva modificata per renderla secca e lenta per poi arrivare alla lentissima chicane sinistra-destra, il punto più lento del tracciato che porta in curva 16, l'ultima, la New Holland una destra da fare in piena accelerazione per poi ributtarsi a fionda sul traguardo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto