JEREZ DE LA FRONTERA (Spagna) - Si torna finalmente in Europa e Valentino Rossi vede rosso. Sarà che si corre in Spagna, terra di corride, sarà che il Dottore è leader - quasi a sorpresa - della classifica iridata, sta di fatto che il corridore di Tavullia ha messo nel mirino il GP di Jerez.

Carico a mille e con tanta voglia di migliorarsi, il nove volte campione del mondo del motomondiale si prepara ad affrontare al meglio il weekend spagnolo: "Non mi sarei mai aspettato di arrivare qui in vetta alla classifica mondiale.

Abbiamo lavorato molto bene, nonostante i tanti problemi incontrati nei test invernali e ovviamente sono molto felice e contento. Nel corso delle prime tre gare abbiamo capito come intervenire sulla moto, principalmente sull'anteriore e siamo riusciti a disputare tre buoni Gran Premi", ha spiegato.

Per Valentino Rossi la strada verso il decimo titolo è lunga

La strada, però, vero il decimo titolo iridato è ancora lunga e insidiosa: Marc Marquez e il compagno di box, Maverick Viñales, non staranno certo a guardare sulla pista di casa.

"Dobbiamo migliorarci, è chiaro. Siamo solo alla prima corsa europea ma il circuito di Jerez mi piace molto. Ad Austin abbiamo migliorato tantissimo dopo la complicata prima sessione di prove libere e anche a Jerez sarà importante approcciare al weekend allo stesso modo. Ora abbiamo capito come lavorare, su quali dettagli focalizzarci e sono fiducioso, sicuro che riusciremo a trovare ciò che ci serve", ha continuato il Dottore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Moto GP Valentino Rossi

Con i suoi rivali alle sue spalle in classifica iridata, Valentino mira a cercare conferme per poter guardare con fiducia al futuro a breve e a lungo termine. Conferme relative alla moto e a sé stesso, perché sarà importante capire se il campione di Tavullia riuscirà a tenersi dietro ancora una volta i suoi agguerriti antagonisti: c'è un Mondiale da vincere, una storia da scrivere e una leggenda da inseguire.

La cabala, inoltre, è tutta dalla parte del pilota italiano che su questo circuito ha vinto per ben sette volte tra 500 e MotoGP (alle quali vanno aggiunti i due successi ottenuti in 125 e 250, rispettivamente nel lontano 1997 e nel 1999): lo scorso anno, fu proprio Rossi a imporsi davanti a Jorge Lorenzo (il maiorchino quest'anno è ancora alla ricerca del miglior feeling possibile con la sua Ducati) e a Marquez.

Una nuova vittoria, la decima in totale sul circuito iberico, potrebbe proiettarlo ancora di più verso quell'iride solo sfiorato due anni fa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto