Ha inseguito per tutta la partita la Reyer, ma alla fine si è aggiudicata gara 5, conquistando il primo match ball per l’assegnazione dello scudetto di Pallacanestro maschile italiano. Non è bastata una straordinaria partita all’Aquila Trento per aver ragione dei veneti in un PalaTaliercio stracolmo e colorato quasi totalmente di granata e oro.

Tra appena due giorni, a Trento, ci sarà gara 6. E sarà il primo dentro fuori.

Per la Umana Reyer potrebbe voler dire scudetto dopo 74 anni; per la Dolomiti Energia allungare la serie di una partita e portarla nuovamente a venezia per il match decisivo.

La partita

Il match parte subito forte con due triple: Peric per i lagunari, Toto Forray per l’Aquila. Proprio dalla tripla del capitano della Dolomiti Energia, scaturisce il primo break degli ospiti che piazzano un immediato 0-7 alla squadra di casa.

La Reyer non perde la testa e recupera pian piano lo svantaggio, riuscendo anche a portarsi davanti sul 14-12. I trentini però risultano più lucidi al tiro e conquistano il primo quarto con il punteggio di 16-18.

Il secondo quarto è decisamente a favore dei ragazzi di coach Buscaglia. Per i bianconeri spiccano ancora le triple di Forray e Shields, mentre a tenere a galla i padroni di casa ci pensano due bombe di McGee.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Basket

Dopo la seconda tripla del giocatore della Umana, i trentini tentano di spaccare la partita, andando all’intervallo lungo con un parziale di 0-10 ed in vantaggio per 28-38 (12-20 il risultato del quarto).

Nel terzo periodo Venezia entra in campo con un piglio deciso, specialmente in difesa. La Dolomiti Energia allunga subito di altri due punti, ma l’asfissiante e muscolare difesa Reyer prende il sopravvento grazie soprattutto al veterano Ress, che riesce anche a prendere due sfondamenti.

Un tiro dall'arco di Bramos risveglia i granata-oro anche in attacco, e la squadra di coach De Raffaele per buona parte della frazione si mantiene davanti agli avversari nel punteggio del terzo quarto. Forray e compagni non mollano e riescono a riconquistare nuovamente il vantaggio nel parziale nonostante una tripla di Stone. Solo al termine del quarto i veneti si accaparrano definitivamente la frazione per 16-15, andando all’ultimo riposo sotto di 8 punti nei confronti degli avversari.

L’ultimo quarto sarà straordinario per l’Umana che parte subito forte con una bomba di McGee. I trentini rinvengono fino a raggiungere il punteggio di 52-61, ma da quel momento Venezia metterà a segno un parziale di 8-0 che li porterà sotto di appena un punto (60-61). Trento allunga di nuovo di 2 ma spreca troppo dalla lunetta. Venezia prima accorcia lo svantaggio e grazie alla tripla ancora di Bramos, allo scadere, supera l’Aquila Basket centrando una insperata e fondamentale vittoria.

Tabellini

Umana Reyer Venezia Mestre – Aquila Dolomiti Energia Basket Trento 65-63

Parziali: 16-18, 12-20, 16-15, 21-11

Progressivi: 16-18, 28-38, 44-52, 65-63

Venezia: Haynes 13, McGee 11, Ejim 9, Peric 7, Stone 5, Bramos 7, Tonut 6, Filloy 3, Batista 4, Viggiano, Ress, Visconti ne. Coach De Raffaele.

Trento: Hogue 17, Craft 16, Sutton 5, Forray 6, Flaccadori 6, Gomes 5, Lechthaler 2, Shields 6, Bernardi ne, Lovisotto ne.

Coach Buscaglia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto