3-0 e 15-0 sono i numeri nei playoff NBA per i Golden State Warriors. Il primo si riferisce alla Serie Finale con i Cleveland Cavs che, partita dopo partita, trovano sempre più difficoltà nel ribaltare il risultato. Il secondo numero si riferisce in generale ai playoff, dove ancora i Warriors non hanno conosciuto il sapore della sconfitta (ed è anche il record NBA per il maggior numero di vittorie consecutive nella post season) con il team che può raggiungere un incredibile 16-0 che farebbe entrare questa squadra ancora più nella leggenda.

Gara 3

Dopo le prime due gare, entrambe vinte dai Warriors, la sfida si trasferisce in Ohio nella tana dei Cavs, la Quicken Loans Arena. È stata sicuramente la partita più intensa di questa serie, come indica lo scarto finale di soli 5 punti. I due team chiudono il primo quarto sul 39-32 per i Warriors, ma nonostante il recuperato Irving (38 punti in 44 minuti) ed il solito lavoro sotto traccia di Kevin Love ( 9 punti, 13 rimbalzi, 1 assit e 6 recuperi) il primo tempo si conclude sul 67-61 per i californiani. Nel terzo quarto, però, un ispirato Kyrie Irving mette 16 punti, che abbinati ad un ottima difesa da parte dei Cavs, permettono alla squadra di presentarsi sul 94-89 all'inizio del decisivo ultimo quarto.

Cleveland sembra già indirizzata verso il 2-1 nella serie, quando a circa 3 minuti dalla fine si trova sopra di 6 sul 113-107 dopo un canestro di Jr Smith. Ma ancora una volta Golden State dimostra di essere una grande squadra e grazie ai suoi fuoriclasse riesce a rimontare, finendo con un parziale di 11-0 e portando la serie sul 3-0.

Venerdì gara 4 potrà già segnare la fine di questa stagione.

KD e gli Splash Brothers

Lo stavano tutti aspettando e non si è fatto trovare impreparato. Stiamo parlando di Klay Thompson, che viene sicuramente dai playoff più difficili della sua carriera, ma che in gara 3 sforna una prestazione da 30 punti, fornendo in attacco quello che era venuto a mancare nelle precedenti partite (soprattutto in gara 1) e non tralasciando la fase difensiva sempre di alto livello.

Con il ritorno del "fratello", non poteva mancare all'appuntamento neanche Stephen Curry, che dopo la tripla doppi di gara 2 realizza una doppia-doppia da 26 punti e 13 assist. Ad aggiungersi alla festa c'è anche Kevin Durant, che vuole assolutamente vincere il suo primo titolo NBA e mette a referto 31 punti. Insieme i tre hanno messo a segno 87 dei 118 punti della squadra (quasi il 74%). Da non dimenticare poi l'apporto di Green ed Iguodala, che hanno permesso a Golden State di avere questo 3-0 nella serie.

LeBron James

Inutile sottolineare l'ennesima prestazione da leggenda del numero 23 dei Cavs: in 46 minuti LeBron James mette a referto 39 punti, 11 rimbalzi e 9 assist. Bene anche il ritrovato Kyrie Irving.

Il problema rimane comunque la panchina inadeguata che mette a referto 11 punti, per non parlare del divario di 12 assist tra le due squadre. L'unica soddisfazione è nella ritrovata vena di Jr Smith con i suoi 16 punti. Ora l'appuntamento è per venerdì con Gara 4 che sarà il trionfo dei Warriors o forse l'inizio di una rimonta impossibile per i Cavs, non ci resta che rimanere a guardare lo spettacolo delle NBA Finals.