Siamo quasi alla conclusione degli US Open 2017, durante la quale abbiamo potuto assistere a tantissime sorprese fra le quali la cavalcata di P. Carreno Busta fino alla semifinale senza perdere nemmeno un set.

Ieri, è stata la giornata delle semifinali maschili. I primi a scendere in campo sono stati proprio lo spagnolo Carreno Busta e il sudafricano K. Anderson, partita che veniva pronosticata molto combattuta.

Pubblicità
Pubblicità

Il primo set è stato abbastanza equilibrato, ma il grande stato di forma di Carreno Busta si è contraddistinto anche in questo parziale, portando lo spagnolo in vantaggio 1 set a 0, chiudendo 6-4. Il secondo set è stato ancora più combattuto: Anderson riesce a strappare il servizio nel quarto gioco, ma Carreno Busta non demorde e recupera subito il break. Il set si conlude a vantaggio del sudafricano 7-5.

Pubblicità

Purtroppo è da qui che comincia il tracollo di Carreno Busta, infatti non riesce più a risollevarsi, concedendo il terzo set con un break nel quarto gioco con un 6-3, e anche il quarto con il punteggio di 6-4. K. Anderson trova la sua prima finale di uno Slam alla tenera età di 31 anni.

La seconda semifinale, invece, vedeva da una parte il numero 1 del ranking ATP, Rafael Nadal, campione US Open nel 2010 e nel 2013; dall'altra la testa di serie n° 24, Juan Martin Del Potro, campione US Open nel 2009.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tennis

Già dal palleggio preliminare si preannunciava una partita molto calda, dato il sostegno del pubblico presente. Il primo set è stato vinto dall'argentino, che con il suo dritto devastante è riuscito a mettere in difficoltà Nadal, il quale ha lasciato il servizio nel quinto gioco e il set sul punteggio di 6-4. Ma Nadal, in realtà, si stava solamente riscaldando e prendendo le misure al suo avversario.

Il secondo set è andato in un'unica direzione: il maiorchino non ha lasciato nemmeno un gioco, facendo capire a Del Potro che avrebbe dovuto faticare molto per la vittoria.

Nell terzo set, quello della verità, Nadal parte subito alla grande, portandosi in vantaggio sul 3-0. Chiaramente Del Potro cerca di stare attaccato al suo avversario, ma non riesce ad evitare il controsorpasso per quanto riguarda i set.

Pubblicità

6-3 per Nadal e 2 set a 1. ll quarto set sembra cominciare in modo equilibrato, visto che entrambi tengono il proprio turno di servizio, ma dopo l'1-1, il toro scatenato Nadal prende il largo, portandosi sul 5-1 per poi chiudere la questione sul 6-2. Il risultato finale è 4-6/6-0/6-3/6-2 in 2 ore e 30 minuti di gioco a favore dello spagnolo, che ritrova la finale degli US Open dopo quella vinta del 2013 ed è la terza finale di uno Slam quest'anno, dopo quella degli Australian Open, persa al quinto set contro R.

Pubblicità

Federer, e quella, invece, vinta del Roland Garros.

Facciamo, comunque, un grandissimo applauso a Del Potro per come ha giocato in queste due settimane, sperando che sia tornato quello che eravamo abituati a vedere prima dei suoi numerosi infortuni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto