Nella giornata di giovedì 10 maggio 2018 si disputerà la 6ª tappa del 101° Giro d’Italia. La corsa di Ciclismo sarà di scena per il terzo ed ultimo giorno in Sicilia e prima di lasciare l’isola, bisognerà affrontare una frazione con arrivo in quota. I corridori partiranno da Caltanissetta e giungeranno in vetta all’Etna. La prima scossa alla classifica della Maglia Rosa potrebbe esserci al termine di questa tappa impegnativa, staremo a vedere come si comporteranno i big. Nell’attesa di scoprirlo, andremo ad analizzare nei particolari il percorso che si troverà ad affrontare la carovana.

Planimetria 6^ tappa Caltanissetta-Etna

La partenza sarà da Caltanissetta alle ore 12.50. Al pari delle frazioni precedenti, avremo un percorso molto mosso dal punto di vista altimetrico, con il primo arrivo in salita del Giro d’Italia di questa edizione, fissato in cima all’osservatorio astrofisico dell’Etna dopo 164 Km. Una volta lasciata la città di partenza, si andrà alla volta di Enna, dove i corridori troveranno il primo traguardo volante. Si proseguirà per pochi chilometri prima di giungere a Piazza Armerina, dove sarà posizionato il secondo traguardo volante. A questo punto ci si dirigerà verso Raddusa, per poi continuare fino alle pendici del vulcano siciliano. Una volta lasciato l’abitato di Paternò si comincerà gradualmente a salire, anche se, ufficialmente, l’ascesa conclusiva inizierà a Ragalna.

Saranno 15 Km molto impegnativi, con pendenza media del 6,5% e punte massime al 16%. Il dislivello sarà di 978 metri. La prima parte sarà su strada asfaltata di media ampiezza, ma una volta entrati nel bosco si restringerà la carreggiata e si incontreranno tratti su colata lavica. Le pendenze spianeranno un po’ solamente nell’ultimo chilometro.

In cima ci sarà il GPM di 1ª categoria, che assegnerà punti per la Maglia Azzurra.

Chi ha vinto la tappa nelle edizioni precedenti?

L’anno scorso si affrontò un altro versante dell’Etna e si giunse al Rifugio Sapienza. Fu Jan Polanc ad imporsi al termine di una lunga fuga. Lo sloveno precedette Ilnur Zakarin sul traguardo, poi arrivò il gruppo guidato da Geraint Thomas.

Andando indietro di qualche edizione, invece, nel 2011 s’impose Alberto Contador. Gli scalatori saranno certamente favoriti di questa tappa, che non vorranno lasciarsi sfuggire l’occasione di conquistare il primo successo e, magari, mettere in difficoltà qualche avversario. Si potranno spendere energie, visto che il giorno seguente sarà da affrontare una frazione non certo impegnativa. Infatti, sarà in programma la 7ª tappa da Pizzo a Praia a Mare, che non presenterà difficoltà altimetriche e vedrà tornare in scena i velocisti. Prima di lasciarvi, invitandovi a seguirci per scoprire ulteriori dettagli sulla prossima frazione, vi ricordiamo che i canali Rai trasmetteranno la diretta tv, con streaming gratis su Rai Play.