A poche settimane dalle prime pedalate della stagione 2019 per le squadre del World Tour è tempo di preparare i programmi dei rispettivi leader. Per la Deceuninck Quickstep il compito è stato un po’ più semplice rispetto alla scorsa stagione grazie all’addio di alcuni big, su tutti Fernando Gaviria, ma anche Terpstra e Schachmann. La squadra belga resta comunque una delle più forti e con l’esplosione dello spagnolo Enric Mas potrà coprire tutto il calendario correndo sempre con importanti velleità.

Pubblicità
Pubblicità

La Deceuninck ha deciso di puntare su Mas per il Tour de France, dove ci saranno anche grandi ambizioni per le vittorie di tappa, mentre Bob Jungels sarà il leader al Giro d’Italia.

Jungels verso un doppio impegno

Il primo ritiro pre stagionale con cui la Deceuninck Quickstep ha aperto la sua attività in vista del 2019 è servito anche a stilare in linea di massima i programmi dei corridori di riferimento. Anche se storicamente la squadra belga è soprattutto orientata a volate e classiche, nella prossima stagione ci saranno grandi obiettivi anche nelle corse a tappe grazie alla crescita esponenziale di Enric Mas, secondo all’ultima Vuelta Espana.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Al giovane scalatore spagnolo è stato attribuito il ruolo di leader per il Tour de France. Per Mas sarà il debutto assoluto al Tour, ma non è da escludere un suo inserimento immediato nei piani altissimi della classifica.

Al Giro d’Italia invece il capitano della Deceuninck Quickstep per fare classifica sarà il lussemburghese Bob Jungels. Per lui sarà la terza presenza alla corsa rosa, in cui è stato sesto e ottavo in classifica generale nel 2016 e nel 2017, vincendo anche una tappa a Bergamo. Jungels poi dovrebbe presentarsi al via anche del Tour de France con compiti di gregariato nei confronti di Mas.

Pubblicità

Viviani, il velocista di punta

Dopo l’addio di Fernando Gaviria la Deceuninck Quickstep avrà nel 2019 in Elia Viviani il proprio velocista numero uno, con i giovani Jakobsen e Hodeg a seguire nelle gerarchie. Dopo una stagione sontuosa Viviani dovrebbe alzare ancora di più l’asticella, scegliendo come Jungels il doppio impegno tra Giro d’Italia e Tour de France. Per il Campione d’Italia, che punterà anche alla Milano Sanremo e ai Mondiali, si preannuncia quindi una stagione intensissima e cruciale per la sua carriera.

L’altro big della squadra, Julian Alaphilippe, seguirà il calendario di classiche primaverili per poi prepararsi al Tour de France, dove nella scorsa estate ha dato spettacolo conquistando due tappe e la maglia a pois.

L'attesissimo Remco Evenepoel, il 18enne fenomeno nuovo del Ciclismo mondiale, debutterà invece alla Vuelta San Juan già a gennaio e comincerà a misurarsi con il World Tour a marzo con la Volta Catalunya.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto