La stagione di Gianni Moscon non è iniziata con il piede giusto. Sul corridore trentino c’erano grandi attese per queste prime uscite dell’anno, ma purtroppo una caduta rimediata all’UAE Tour lo sta condizionando negativamente. Il tricolore a cronometro ha corso una Strade Bianche piuttosto anonima e la sua partecipazione alla Tirreno-Adriatico si è conclusa dopo pochi chilometri. Moscon si è infatti ritirato nel corso della seconda tappa, la prima in linea, quella terminata ieri a Pomarance con il successo di Julian Alaphilippe.

Pubblicità

Moscon, strada in salita per le classiche

Gli appuntamenti principali nel 2019 di Gianni Moscon non sono molto lontani. Il corridore trentino punta molto sulle corse della primavera, dalla Sanremo alle classiche sul pavè, e proprio per questo c’è una certa preoccupazione dopo il ritiro a cui è stato costretto nella Tirreno Adriatico. La preparazione invernale del Campione d’Italia a cronometro era filata via liscia e senza intoppi, ma alla prima corsa della stagione, l’UAE Tour, è rimasto coinvolto in una caduta.

Moscon non ha recuperato al meglio da quell’incidente nonostante siano passate un paio di settimane. Alla Strade Bianche, il primo vero obiettivo stagionale, il trentino non è stato competitivo finendo al 58° posto a dieci minuti dal vincitore Alaphilippe. Nonostante le chiare difficoltà Moscon ha voluto essere al via della Tirreno Adriatico, ma dopo la cronosquadre inaugurale si è dovuto ritirare già nel corso della seconda tappa a Pomarance.

Tosatto: ‘Importante che riposi’

Il Direttore Sportivo del Team Sky Matteo Tosatto ha spiegato che il ritiro di Moscon è dovuto ancora ai postumi dell’incidente dell’UAE Tour.

Pubblicità

“Gianni sta ancora soffrendo per quella caduta”, ha dichiarato l’ex corridore veneto. “Voleva fare questo blocco di corse qui in Italia ma non si sentiva come al solito durante la Strade Bianche e non si è sentito bene neanche alla Tirreno. Difficilmente sarebbe migliorato nel proseguimento della corsa, è importante che ora riposi prima delle classiche”, ha continuato Tosatto.

Moscon cercherà di assorbire l’infortunio nei prossimi giorni senza compromettere il suo avvicinamento alle grandi classiche.

Il corridore trentino dovrebbe rientrare direttamente alla Milano-Sanremo per poi spostarsi in Belgio per la campagna del pavè a partire dalla E3 BinckBank Classic, a cui arriverà dunque con pochissime corse nelle gambe.