Dopo il secondo giorno di riposo il Tour de France è ripartito con una giornata dedicata ai velocisti. La tappa di Nimes è stata controllata dalle squadre degli sprinter che sono andate a riprendere nel finale cinque coraggiosi attaccanti. Caleb Ewan ha poi rimontato e battuto Elia Viviani e Dylan Groenewegen imponendosi come il primo velocista a centrare una doppietta di tappe in questo Tour de France.

Purtroppo l’altra notizia importante del giorno è la caduta e il ritiro di Jakob Fuglsang, che stamani occupava la nona posizione in classifica generale.

Tour de France, cadute di Thomas e Fuglsang

La sedicesima tappa del Tour de France ha aperto il sipario su un’ultima settimana da brividi, con la maglia gialla ancora in bilico tra più opzioni e un trittico di tappe alpine che promettono spettacolo ed emozioni forti.

La ripartenza è stata però molto soft con una tappa facile, 177 km con partenza ed arrivo a Nimes e pochi saliscendi a movimentare un tracciato disegnato per favorire gli sprinter.

Nelle fasi iniziali se ne sono andati in fuga cinque corridori: Ourselin, Rossetto, Gougeard, Bak e Wisniowski. Il gruppo non ha mai concesso molto spazio, ma i cinque al comando hanno intelligentemente gestito le loro energie andando a ritmo blando per gran parte della corsa per poi accelerare negli ultimi 30 km e poter così resistere più a lungo possibile.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Purtroppo la corsa è stata segnata da alcune cadute. Nelle fasi iniziali è finito a terra anche Geraint Thomas, ripartito con una vistosa abrasione vicino al ginocchio sinistro. Peggio è andata a Jakob Fuglsang. Il danese della Astana è rimasto coinvolto in un incidente a circa 30 km dall’arrivo ed è stato costretto al ritiro.

Sprint fulminante di Ewan

In testa al gruppo la Lotto Soudal, la Jumbo Visma e la UAE Emirates sono state tra le più attive per condurre l’inseguimento, mentre la Deceuninck è intervenuta solo nelle fasi finali con Asgreen.

I cinque fuggitivi sono stati ripresi negli ultimi tre chilometri. La stanchezza accumulata in sedici giorni di corsa e i ritiri che hanno decimato alcune squadre hanno portato ad una volata un po’ diversa, con la sola Deceuninck Quickstep che è riuscita ad organizzare un lavoro di gruppo per Elia Viviani.

Morkov e Richeze hanno portato in testa il velocista veronese, ma Caleb Ewan è partito come una scheggia già ai 230 metri rimontando dopo essere rimasto dietro anche a Sagan, Groenewegen e Kristoff.

Il velocista australiano ha fulminato tutti con un’accelerazione formidabile e Viviani ha solo potuto difendere il secondo posto dall’attacco di Groenewegen, finito terzo davanti a Sagan. Ewan è così il primo sprinter a vincere due tappe in questo Tour, spezzando l’equilibrio che aveva regnato finora.

La classifica è cambiata solo per il ritiro di Fuglsang che ha fatto avanzare Uran e Porte nella top ten.

Alaphilippe è ancora in maglia gialla con 1’35’’ su Thomas e 1’47’’ su Kruijswijk.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto