Che non sia il miglior Nadal lo si è intuito in campo, il tennista spagnolo ha perso meritatamente il primo match delle Atp Finals, dominato da Sascha Zverev. Al di là dell'aspetto tecnico, la conferenza post-partita ha avuto un momento poco piacevole per via di uno 'screzio' tra il numero uno del mondo ed il noto giornalista Ubaldo Scanagatta, direttore di Ubitennis. Rafa non ha gradito una domanda del cronista italiano, ma la sua risposta è andata oltre le righe.

La domanda sul matrimonio fa infuriare Rafa

Per Rafa il 2019 è stato decisamente un anno speciale, oltre ad aver vinto due Slam ed essere tornato in vetta al raking Atp, è stato l'anno delle nozze con la sua 'eterna' fidanzata, Xisca Perelló.

In buona sostanza, Scanagatta ha chiesto a Nadal se per caso il matrimonio sia stato un fattore distraente della sua routine. "Vorrei sapere se la tua abituale concentrazione nella tua vita di tennista ne è stata un po’ intaccata", ha chiesto. Nadal lo ha guardato stranito, chiedendogli se la domanda fosse seria. "Non ci ci sposa tutti i giorni e si possono provare anche delle forti emozioni", parole queste che non sono riportate nel transcript perché, come spiega Scanagatta su Ubitennis, sono state pronunciate senza microfono.

Nadal si è dichiarato sorpreso dalla domanda, specificando che un anello messo al dito non cambia nulla visto che lui sta ormai con Xisca da 15 anni. Per farla breve, dopo uno scambio di battute nel quale è Nadal a chiedere a Scanagatta dopo quanti anni di fidanzamento abbia sposato sua moglie, il Tennis spagnolo sbotta con queste parole: "direi di passare allo spagnolo perché questa è una str...".

Scanagatta: 'Non avevo sentito la frase'

L'episodio viene ricostruito fedelmente sulla testata diretta dallo stesso Scanagatta.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Tennis

Sulle pagine web di Ubitennis, Ubaldo assicura di non aver sentito la frase 'incriminata', ma di averla letto dopo nel transcript. Frase tra l'altro sentita dagli altri colleghi che gli hanno espresso solidarietà. Il giornalista assicura che la sua domanda "non era minimamente provocatoria, maligna, imbarazzante o indelicata" e sottolinea come personalmente lui veda il matrimonio come una forte emozione che, dunque, può anche influire sulla normale routine professionale. "Se per Rafa il giorno del matrimonio è stata semplicemente la formalizzazione di una unione estrinsecata solamente col mettere un anello a una sposa e mettendone un altro a un suo dito… beh mi dispiace molto per Rafa", scrive nel suo editoriale il direttore di Ubitennis, dichiarandosi "allibito" dalla reazione che il suo interlocutore ha avuto in conferenza stampa.

Lo stesso sottolinea di aspettarsi delle scuse, alla luce del buon rapporto con Nadal che dura da tanti anni. "L’ho sempre considerato una persona intelligente. Ma a tutti capita prima o poi di dire sciocchezze, spero che prima o poi si scusi".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto