Roger Federer torna in corsa per le semifinali, quello con Matteo Berrettini nella seconda giornata del Gruppo Borg alle Atp Finals era un match da 'dentro o fuori', ma il fuoriclasse svizzero è fin troppo abituato a questo tipo di partite. Il 23enne romano ha certamente giocato meglio rispetto al precedente confronto con il suo idolo d'infanzia, la scorsa estate a Wimbledon, ma il 're' rimane per il momento un avversario al di là delle sue forze, anche se non è al top. Non è ancora il miglior Federer, ma certamente ha giocato un Tennis migliore rispetto a quello sfoderato contro Dominic Thiem nel primo match, dove aveva commesso troppi errori gratuiti.

Quanto a Berrettini, un bel primo set in cui ha costretto il 20 volte vincitore di Slam al tie-break, poi ha ceduto dinanzi alla classe ed all'esperienza di Federer (7-6 6-3 lo score): ci sta anche questo, per Matteo sono le prime Finals ed esserci è già una vittoria.

Per migliorare c'è sempre tempo quando si è giovani

Lo aveva detto a chiare lettere anche Novak Djokovic dopo la sua vittoria netta contro Berrettini nel match d'esordio. "Era molto teso, ma è normale. Lo ero anch'io quando ho disputato le mie prime Finals".

Roger Federer dice più o meno le stesse cose proiettandole su se stesso: stavolta la lezione per Berrettini sta certamente nell'ascoltare le parole di chi ha vinto e stravinto tutto. "Quando ero giovane gli avversari giocavano sulle mie debolezze, ma poi l'esperienza insegna a prendere forza da ciò che un tempo ti rendeva debole ed oggi, rispetto alle mie prime Finals, sono un giocatore migliore".

'Matteo può far male a chiunque con quel servizio'

Dal punto di vista della prestazione, Roger è soddisfatto.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Tennis

"I progressi rispetto alla partita con Thiem ci sono stati, anche se non era stata del tutto negativa. Dovevo stare attento e giocare sicuramente meglio contro Matteo che può fare male a chiunque con quel servizio. Il giorno di pausa mi ha fatto bene, ho staccato e ricaricato le batterie". Anche perché dovrà dare il massimo nella prossima partita contro Novak Djokovic che quest'anno gli ha dato la delusione più grande con quella 'ferita' a Wimbledon che non si rimarginerà mai del tutto. "Spero di giocare ancora meglio nella prossima partita e poi vedremo dove sarò in classifica. Certo la cosa più strana di questo torneo è tornare in campo dopo aver perso, ma ci sono abituato".

Le statistiche sono dalla sua parte

Non è la prima volta che Roger Federer inizia le Finals con una sconfitta, ma solo in una circostanza non raggiunse le semifinali: nel 2008 quando perse anche la seconda partita contro Andy Murray (dopo il k.o all'esordio con Gilles Simon). Nel 2007 si arrese al debutto a Fernando Gonzalez finendo addirittura per vincere il torneo, mentre nel 2013 e nel 2018 fu in grado di riscattare le disfatte contro Novak Djokovic e Kei Nishikori, ma in entrambi i casi venne eliminato in semifinale.

Novità video - Atp Finals, Berrettini alla prova Federer
Clicca per vedere

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto