Anche se fino al 1° gennaio non potrà indossare la maglia della Trek Segafredo, Vincenzo Nibali è ormai proiettato verso questa nuova pagina della sua carriera. Il campione siciliano ha chiuso il triennio al Team Bahrain Merida con una stagione di alti e bassi, segnata dal secondo posto al Giro d’Italia e dalla vittoria di tappa al Tour de France, ma anche da un certo senso di incompiuto. Lo stesso Nibali ha ammesso di non aver ottenuto il meglio nel 2019, accusando alcune persone della squadra di averlo ostacolato.

Nibali: ‘Voglio guardare al futuro’

Vincenzo Nibali ha già iniziato la preparazione in vista del debutto stagionale. Insieme ai nuovi compagni e allo staff della Trek Segafredo, con cui ha firmato un contratto biennale, si trova in Sicilia per i primi allenamenti e per definire tutti i dettagli di un 2020 che si preannuncia pieno di emozioni tra Giro, Olimpiadi e Mondiali. Il vincitore della Sanremo 2018 ha mostrato grande entusiasmo per questo arrivo in casa Trek Segafredo, dove ha trovato un ambiente molto diverso da quello lasciato al Team Bahrain.

Nibali era stato il centro del progetto creato nel 2017 dal Principe del Bahrain, ma con il passare del tempo e con l’ingresso di McLaren nel pacchetto azionario della società di gestione del team le cose sono profondamente cambiate.

“Non sono davvero interessato a parlare del passato, voglio guardare al futuro, mi sento riposato e pronto a ripartire” - ha dichiarato il vincitore della tripla corona a Cyclingnews finendo però per dire qualcosa in più su quest’ultimo anno molto complicato nei rapporti interni alla squadra.

“In Bahrain ho ottenuto ottimi risultati e ho grandi ricordi. Nel primo anno quando la squadra era nuova di zecca sono arrivato terzo al Giro, secondo alla Vuelta e ho vinto il Lombardia. Poi la Milano Sanremo e altri grandi risultati. Sono orgoglioso di aver contribuito a creare questa squadra con il Principe del Bahrain e di averla fatta conoscere in tutto il mondo, ma ora andremo su strade separate” - ha continuato Nibali.

‘Deluso e insoddisfatto dal 2019’

Il punto di svolta che ha cambiato i rapporti tra il campione e la squadra sembra essere stato proprio l’arrivo di McLaren che ha portato all’insediamento del nuovo team manager Rod Ellingworth, proveniente dalla Sky. “Non so nemmeno che aspetto abbia Rod, non ci ho mai parlato” - ha svelato Nibali senza nascondere l’amarezza con cui ha chiuso quest’ultima stagione in maglia Bahrain.

“Quest’anno mi ha lasciato deluso e insoddisfatto. Sento che avrei potuto ottenere molto di più” ha dichiarato l’ex Campione d’Italia accusando poi apertamente la sua ormai ex squadra per i risultati raccolti in questo 2019.

“Alcune cose si sono messe in mezzo e alcune persone mi hanno reso difficile essere al meglio. Non vedevo l’ora di cambiare squadra e ora non vedo l’ora per questa nuova stagione” ha aggiunto Nibali.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!