I fan della grande boxe dovranno aver pazienza per rivedere un campione unico dei pesi massimi, cosa che manca alla categoria regina dal 2000, dai tempi di Lennox Lewis.

Il 22 febbraio, dunque tra meno di venti giorni, Deontay Wilder metterà nuovamente in palio il titolo WBC dal secondo assalto di Tyson Fury. Ma il vincitore di questo 'scontro tra Titani' non sfiderà Anthony Joshua, detentore delle corone Super WBA, IBF, IBO e WBO. Per il britannico, tornato sul trono lo scorso dicembre dopo la netta vittoria ai punti su Andy Ruiz, ci sono due sfide obbligatorie che sono state 'ordinate' da IBF e WBO contro gli sfidanti ufficiali, Kubrat Pulev ed Oleksandr Usyk.

Tra l'altro i due match si accavallano, dunque le due federazioni dovranno necessariamente trovare un accordo. Il primo della lista dovrebbe essere Pulev, stando a quanto reso noto da Eddie Hearn in persona.

Se Joshua non rispettasse le sfide 'obbligatorie', l'indiscusso potrebbe saltare per mancanza di un titolo

Intervistato da BoxingScene, Eddie Hearn ha spiegato in che modo la Matchroom Boxing intende sbrogliare la matassa. "Abbiano praticamente stabilito che Pulev sarà il primo. Ovviamente la WBO vuol sapere cosa accadrà con Usyk che è il suo sfidante obbligatorio e quindi stiamo andando verso una sfida tra Joshua e Pulev e poi lui, naturalmente il vincitore che ovviamente crediamo sarà AJ, dovrà combattere contro Usyk".

Secondo il manager del pluricampione mondiale dei pesi massimi, il match si dovrebbe combattere a Londra entro la fine di maggio o, al massimo, i primi di giugno. Poi, se ovviamente il britannico uscirà vincitore, avrà una sfida davvero suggestiva contro l'ex campione indiscusso dei massimi leggeri, Oleksandr Usyk.

In merito alla possibile sfida contro il campione WBC, il vincitore della sfida tra Wilder e Fury, Hearn spiega che: "se ci fosse la possibilità di organizzarlo ovviamente AJ preferirebbe questo combattimento, ma non sarebbe indiscusso".

Viene definito campione unico o indiscusso, infatti, colui che detiene le quattro principali cinture WBA, WBC, IBF e WBO e, secondo il promoter della Matchroom Boxing "c'è il rischio che Joshua faccia questo combattimento senza la cintura WBO visto che loro tuteleranno Usyk che è il loro sfidante ufficiale". In quel caso, pertanto, la WBO potrebbe dichiarare decaduto Joshua e rendere vacante il titolo.

Wilder su Pulev: 'Pugile forte e coraggioso'

Intanto Deontay Wilder prosegue ad allenarsi per l'attesissimo match di Las Vegas contro Fury ed in una recente intervista rilasciata ad ESPN gli è stato chiesto un parere sul possibile combattimento di Joshua contro Pulev. Stranamente, il Bronze Bomber non ha minimizzato il 38enne bulgaro.

"Pulev è un pugile forte e coraggioso - ha detto Wilder - anche se ammetto di non averlo visto combattere troppo spesso. Ma quelli che ho visto sono stati grandi match, come contro Klitschko (dove il bulgaro ha subito la sua unica sconfitta) ed altri. Possiede grande determinazione e forza di volontà".

Segui la nostra pagina Facebook!