Grandi novità in casa Astana. Per la prima volta dall’inizio della sua avventura nel Ciclismo professionistico la squadra kazaka avrà uno sponsor straniero come secondo nome. Il team era nato nel 2006 per prendere il posto della Liberty Seguros di Manolo Saiz, affossata dallo scandalo dell’Operacion Puerto, e non lasciare così a piedi l’idolo dello sport kazako, Alexandre Vinokourov. La formazione era sempre stata finanziata dalle aziende del paese ex sovietico, con il nome della capitale e l’obiettivo di promuoverne l’immagine nel mondo e far nascere nuovi talenti. Dopo quindici anni il progetto sta vivendo un netto cambio.

I finanziamenti kazaki sono stati notevolmente ridotti e il team ha dovuto guardare all’estero per garantirsi un futuro di primo piano.

Ecco la Astana – Premier Tech

Dal 2021 la squadra si chiamerà Astana – Premier Tech. Sarà la prima volta che il marchio di un’azienda, per di più straniera, comparirà al fianco del nome della capitale kazaka. Premier Tech è un’azienda canadese che già nella scorsa stagione figurava tra gli sponsor minori del team di Vinokourov, ed ora ha deciso di dare un salto di qualità al suo impegno nel ciclismo aumentando gli investimenti per diventare il secondo nome della squadra.

I soldi in arrivo dal Canada consentiranno alla Astana di allestire una squadra di ottimo livello, anche se non saranno sufficienti a trattenere Miguel Angel Lopez, che non ha rinnovato il contratto e sta cercando una nuova squadra.

La Astana – Premier Tech sta guardando con grande interesse ai giovani ed ha appena annunciato sei nuovi ingaggi dall’età media molto bassa per la stagione 2021.

Altri tre italiani in Kazakistan

La squadra kazaka ha rinnovato il suo tradizionale interesse per il ciclismo italiano confermando l’ingaggio di tre dei migliori talenti emergenti del nostro movimento.

Si tratta di Samuele Battistella, Campione del Mondo under 23 nella scorsa stagione, di Matteo Sobrero, messosi in luce nelle cronometro del recente Giro d’Italia, e di Andrea Piccolo, Campione Europeo juniores a cronometro nel 2019.

A questi tre azzurri si aggiungono anche il sudafricano Stefan de Bod, il canadese Benjamin Perry e lo spagnolo Javier Romo.

La Astana – Premier Tech farà crescere questi giovani talenti all’ombra dei suoi leader storici come Jakob Fuglsang e Luis Leon Sanchez, ma potrebbe veder partire un corridore che in questa stagione ha fatto un grande salto di qualità, il russo Aleksandr Vlasov. Il vincitore del Giro dell’Emilia è ancora sotto contratto con la squadra kazaka anche per il 2021, ma il suo agente Giuseppe Acquadro sembra deciso a portarlo fin da subito alla Ineos.

Acquadro è già stato artefice di trasferimenti messi a segno nonostante i contratti già firmati in precedenza, sempre con la Ineos come beneficiaria del cambio di squadra. Secondo le indiscrezioni del giornale El Mundo, Vlasov e il suo agente avrebbero ricevuto una proposta economicamente molto vantaggiosa dalla Ineos e starebbero cercando di rompere il contratto in vigore con la Astana.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!