L'Isee 2014 porta con se una serie di novità, a cominciare dal calcolo dell'Indicatore della situazione economica equivalente.

Il Fisco utilizza anche questo mezzo, associato al redditometro, per stanare i possibili evasori di tasse.

Grazie all'Isee è possibile verificare la situazione economica delle famiglie italiane e determinare chi ha diritto a sconti, detrazioni o esenzioni sulle prestazioni degli enti pubblici. A partire da quest'anno, il calcolo ISEE non terrà conto solo del reddito complessivo della famiglia ma anche di altri elementi, come i depositi bancari e i patrimoni mobiliari e immobiliari.

Novità ISEE 2014: il calcolo del reddito

Per il calcolo del reddito saranno tenuti in considerazione:
  • redditi Irpef,
  • redditi da attività finanziarie,
  • affitti da cedolare,
  • indennità,
  • redditi che sono tassati all'estero,
  • assegni di mantenimento per i figli,
  • trattamenti di assistenza,
  • tutti i redditi soggetti a imposta sostitutiva.
Hanno diritto ad una detrazione del 20% sul reddito i pensionati e i lavoratori dipendenti, i primi con un tetto massimo di 1.000 euro, i secondi di 3.000 euro.
Vi è la possibilità di sottrarre l'assegno versato per il mantenimento dei figli e spese mediche per un importo fino a 5.000 euro.

I disabili potranno dedurre spese mediche, spese per l'assistenza, spese per acquisto di cani guida (ciechi) e spese per l'interpretariato (sordi) per un importo fino a 5.000 euro.

Novità ISEE 2014: il calcolo del patrimonio immobiliare e dei conti deposito

Nel patrimonio immobiliare non vengono calcolate le abitazioni con valore fino a 52.500 euro, più 2.500 euro per ogni figlio.

Le case in affitto con contratto di locazione regolarmente registrato consentono una detrazione fino a 7.000 euro.

Aumenta di 500,00 euro anche la detrazione per ogni figlio in casa (dal terzo in poi).

Per i depositi ed i conti, da quest'anno non si considera solo la consistenza dei conti al 31 dicembre dell'anno precedente. Se la media annua è aumentata, si considera quest'ultima (investimenti esclusi).


Novità ISEE 2014: come richiederlo

Un'altra novità dell'ISEE 2014 riguarda l'autocertificazione, la cui disponibilità diminuisce. I dati saranno presi dall'incrocio di informazioni tra gli enti fiscali. Per tale motivo, il calcolo dell'ISEE potrà essere fatto esclusivamente presso Caf o Centri di Assistenza Fiscale. Saranno questi a trasmettere i documenti telematicamente alla sede centrale dell'Inps, che verificherà le condizione e rilascerà il documento ISEE.