Dal calcolo della Tasi 2014 alla compilazione del modello F24 o, in alternativa, del bollettino postale, il cammino che porta al versamento della tassa non è esente da complicazioni. Vediamo, allora, come procedere con il pagamento della seconda rata o saldo della Tasi entro il 16 dicembre prossimo: il caso riguarda anche quei 600 Comuni nei quali l'imposta va pagata in un'unica soluzione alla medesima scadenza. L'operazione di saldo o di seconda rata al 16 dicembre per chi avesse già versato l'acconto Tasi entro il 16 giugno o il 16 ottobre, è semplice: basta versare lo stesso importo corrisposto della prima rata.

Versamento seconda rata, saldo Tasi 2014: modello F24, bollettini postali Tasi e codici tributo

Il versamento della seconda rata o del saldo della Tasi va effettuato in banca o alla posta utilizzando il modello F24 o il bollettino postale.

Usando il modello F24 si ha il vantaggio di poter versare l'imposta per immobili anche situati in comuni differenti utilizzando un solo modello e con addebito sul proprio conto corrente.

Analogamente al versamento dell'Imu, anche la Tasi va pagata da ciascun comproprietario o contitolare del diritto reale sull'immobile. Andando nello specifico del modello F24, ricordiamo che va compilata la "sezione imu e altri tributi locali" con l'indicazione del codice catastale del Comune dove è situato l'immobile (Roma ha il codice H501, Milano F205), il numero degli immobili per i quali si procede al pagamento dell'imposta e l'importo da pagare raggruppato in rapporto al codice tributo per la tipologia dell'immobile. Ricordiamo i quattro codici tributo che sono:

  • 3958 Abitazione principale;
  • 3959 fabbricati rurali strumentali;
  • 3960 Aree fabbricabili;
  • 3961 Altri fabbricati.

E' importante non dimenticare di indicare con una "X" la casella del saldo, mentre nello spazio rateazione non occorre scrivere nulla.

I migliori video del giorno

Non occorrerà effettuare il versamento se l'importo dell'imposta non è superiore ai 12 euro o se vige un diverso limite del Comune.

Dallo scorso 1° ottobre, se l'importo dell'F24 è maggiore di mille euro, si devono utilizzare esclusivamente i servizi telematici delle banche, delle poste o dell'Agenzia delle Entrate, andando nella sezione "home - remote banking" o ancora, in alternativa, si possono utilizzare i bollettini postali Tasi.

Infine, precisiamo che il pagamento va effettuato sul conto corrente postale n. 1017381649 che dovrà riportare questa intestazione: "Pagamento Tasi". Nel caso in cui si è in possesso di più immobili situati in più Comuni, è necessario compilare un bollettino postale per ciascun Comune.