Sono stati apportati importanti cambiamenti nel 2015 per quanto riguarda la tassa sul #Bollo auto. Le novità riguardano soprattutto le esenzioni, le deduzioni e le detrazioni, inoltre gli importi sono evidentemente più cari, rispetto all'anno 2014. I tempi di scadenza per il pagamento sono rimasti invariati e cioè la fine del mese successivo a quello di scadenza e per i nuovi veicoli, la scadenza corrisponde al mese successivo a quello dell'immatricolazione. Una delle più importanti novità riguarda l'eliminazione dell'esenzione per i veicoli storici ultraventennali ad eccezione 'parziale' della Regione Lombardia.

Il calcolo della somma da versare, viene effettuato a seconda della potenza del veicolo.

Per eseguire un calcolo veloce e sicuro, si consiglia di utilizzare i portali dell'Agenzia delle Entrate e dell'Aci (Automobile Club Italia) i quali hanno predisposto una sezione appositamente dedicata per il calcolo del bollo, inserendo i dati richiesti: tipo di veicolo, caratteristiche di alimentazione, residenza dell'intestatario della vettura, dati relativi alla potenza del motore.

Il versamento può essere effettuato in tutte le agenzie ACI, in banca, agenzie di pratiche auto abilitate, tabaccai, uffici postali e Lottomatica. Tra le esenzioni previste, mettiamo in evidenza quella sui disabili e per la persona accompagnatrice, sono anche esenti le vetture alimentate elettricamente per i cinque anni successivi all'anno di immatricolazioni, inoltre sono previste detrazioni fiscali per i soggetti che rientrano in particolari regimi di tassazione.

I migliori video del giorno

Quest'ultimi possono verificare alcune tabelle riportate nei siti della Regione di riferimento oppure nei portali dell'Agenzia delle Entrate e dell'ACI.

La tassa pagata con ritardo, prevede una sanzione aggiuntiva compresa di interessi di mora, che cambia in proporzione al ritardo accumulato, in ogni caso si deve pagare lo 0,2% in più per ogni giorno di ritardo, gli interessi legali ammontano all'1% su base annuale. Infine si consiglia di prestare molta attenzione al calcolo del bollo relativo alle auto storiche, che negli anni precedenti non hanno versato l'imposta.