I contribuenti che a partire da gennaio 2015 adotteranno il regime forfettario  avranno la possibilità di non versare i contributi INPS IVS sul reddito minimale di 15.548 euro ma potranno optare per l'opzione di versare solamente in percentuale al reddito effettivo. Non essendo il regime agevolato automatico, per poter accedere a questa opportunità, il contribuente interessato dovrà presentare un apposita istanza all'INPS dove farà richiesta di entrare in questo particolare sistema contributivo.

Da fare attenzione perché l'istanza per poter usufruire del regime contributivo agevolato dovrà essere presentata tramite l'accesso al cassetto fiscale previdenziale in modalità telematica non oltre la data del 28 febbraio 2015.

Unica eccezione per la presentazione cartacea della richiesta è prevista esclusivamente per tutti quei contribuenti che non risultano ancora titolari di una posizione previdenziale presso l'INPS.

Ma qual'è la differenza e l'eventuale risparmio che potrà ottenere il commerciante o l'artigiano che farà tale richiesta? Facciamo ora un esempio pratico sulla casistica di un artigiano che in gennaio ha aperto una partita IVA richiedendo di usufruire del regime forfettario. Ipotizzando che tale soggetto dichiari per l'anno 2015 un reddito annuale di 10.000 euro, con il regime normale dovrebbe versare i contributi INPS IVS nella percentuale prevista calcolando come base imponibile il reddito minimale di 15.548 euro, in caso dovesse fare la richiesta di versamento dei contributi agevolati verserebbe i contributi calcolando la stessa percentuale prevista ma per il conteggio prenderebbe l'effettivo reddito dichiarato, cioè i 10.000 euro, ottenendo un risparmio di circa 1.000 euro.

Ulteriore differenza rispetto al regime normale sono le date dei versamenti, le quali non saranno più quattro ma resteranno solo due versamenti annuali che coincideranno con le scadenze del versamento del saldo e dell'acconto dell'INPS.

I migliori video del giorno

Lo svantaggio di questo regime sarà però il fatto che ai fini dell'anzianità contributiva per l'ottenimento della pensione verranno conteggiati solo un numero di mesi proporzionali al versamento rispetto a quanto si verserebbe utilizzando il  minimale come imponibile.