Uno degli argomenti maggiormente dibattuti in questo scorcio di autunno 2015 è certamente quello relativo ai cambiamenti che riguarderanno il pagamento del #Canone Rai 2016. Queste novità sono state fortemente volute dal Presidente del Consiglio in carica Matteo Renzi, il quale più volte ha ribadito la sua volontà di apportare notevoli cambiamenti alla disciplina attuale, nel duplice interesse di sconfiggere l'elevata evasione e ridurre gli importi da pagare. Il Premier ha deciso che dal prossimo anno il Canone Rai sarà pagato attraverso la bolletta della luce. Si tratta di un cambiamento che può essere considerato come assai rivoluzionario, sebbene siano in tanti a non essere convinti dalla decisione del Capo del Governo.

Sconfitta l'evasione con il Canone in bolletta?

Per Renzi questa soluzione finirà per sconfiggere l'altissima evasione che da sempre caratterizza il pagamento del Canone Rai.

Infatti al momento circa il 30% degli italiani non paga questa tassa. Con la nuova normativa, almeno secondo quanto afferma il Premier, l'evasione si dovrebbe praticamente azzerare. Questo porterà benefici a chi adesso paga, in quanto l'importo da pagare si ridurrà progressivamente grazie alle nuove entrate. Quest'anno, infatti, il Canone passa da 113,50 a 100 euro. Nei prossimi anni il calo dovrebbe essere ancora maggiore fino ad arrivare sotto gli 80 euro. La tassa in questione si pagherà quest'anno in bolletta in due soluzioni da 50 euro, ma al momento non ci sono ancora conferme sui mesi scelti. 

Multe salate per chi non paga

Il pagamento riguarderà solo le bollette della prima casa, quindi niente canone per le seconde case. Rimangono in vigore le esenzioni del passato per chi ha più di 75 anni e per coloro che non superano determinate soglie di reddito.

I migliori video del giorno

Multe salate per chi non paga, si parla di sanzioni di circa 500 euro, ma niente distacco della luce. Le regole relative alle modalità di pagamento e alle possibili rateizzazioni non sono ancora disponibili in quanto occorre sentire il parere dell'Autorità per l'Energia.