Come tutte le tasse, anche la tassa di circolazione per auto e moto ha esenzioni, scadenze, tariffe specifiche e prescrizione. Per il pagamento del Bollo auto ci sono dei tempi da rispettare e, per quanto riguarda la riscossione da parte dell'Agenzia delle Entrate, non rispettando questi termini il debito con lo Stato va prescritto.

Il bollo su auto e moto

Viene comunemente chiamata tassa di circolazione o bollo auto, ma in realtà è la tassa di possesso su auto e moto e va pagata annualmente in base a determinate caratteristiche dettate da tipo e categoria del veicolo e dalla Regione d'appartenenza in quanto tassa regionale.

In caso di dimenticanza del pagamento si va incontro a spese di mora (se la tassa viene pagata in ritardo), fino all'iscrizione a ruolo da parte dell'agenzia di riscossione Equitalia, ma anche in quest'ultimo caso la richiesta di pagamento deve pervenire in modalità e tempi ben precisi al fine, per lo Stato, di evitare la prescrizione del bollo e non ricevere il pagamento da parte del cittadino debitore.

Prescrizione tassa di circolazione

Il termine di prescrizione della tassa di circolazione è di tre anni e resta tale anche se è divenuto definitivo l'avviso di accertamento attraverso notifica. Nel caso in cui, successivamente alla data di notifica, passino tre anni e non vi sia nessun ulteriore atto che interrompa la prescrizione, il pagamento nei confronti dello Stato non è più dovuto e a confermarlo è la Commissione Tributaria Provinciale di Bari, nonostante il debito possa apparire iscritto al ruolo da parte dell'agenzia di riscossione.

I migliori video del giorno

Le modalità per la prescrizione del bollo auto cambiano però in base alle situazioni, se il bollo auto scaduto e non pagato non viene contestato da parte dell'Agenzia delle Entrate ed entro tre anni può risultare prescritto; nel caso in cui invece, viene notificato l'avviso di accertamento per il pagamento, il debitore per vedersi annullare quest'ultimo dovrà attendere 60 giorni successivi alla notifica dell'accertamento, oltre al termine dei tre anni previsti per legge.