L'appuntamento con il versamento a saldo dell'Iva, riguardante l'anno di imposta 2015, è in scadenza. L'ultimo giorno utile è infatti quello del 16 marzo del 2016 che, tra l'altro, rappresenta una scadenza tassativa per chi presenta, riguardo proprio all'imposta sul valore aggiunto, la dichiarazione Iva in via autonoma, ovverosia non inserita nel modello dichiarazione dei redditi Unico 2016 in accordo con quanto ricorda 'FiscoOggi'. Coloro che invece presentano la dichiarazione Iva inserita in Unico 2016 possono differire la scadenza del 16 marzo andando a versare il saldo dell'imposta entro la scadenza prevista per pagare le imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi. Il 2016 è peraltro l'ultimo anno in cui ci sono contribuenti che presentano la dichiarazione Iva in due momenti differenti.

La legge 190/2014, in corrispondenza dell'articolo 1, comma 641, impone infatti che dal prossimo anno la dichiarazione Iva non potrà essere più presentata fino alla data del 30 settembre con il modello Unico, ma tutti i contribuenti dovranno presentarla entro e non oltre il mese di febbraio.

Tornando alla scadenza del 16 marzo del 2016, il versamento del saldo Iva 2015, a patto che questo superi i 10 euro, deve essere effettuato, indicando il codice tributo 6099, utilizzando il modello di pagamento unificato F24 e solo ed esclusivamente attraverso la modalità telematica messa a disposizione dall'agenzia delle entrate. L'importo può essere frazionato fino ad un massimo di nove rate di pari importo con il pagamento della prima sempre entro il 16 marzo del 2016 e l'ultima entro e non oltre il 16 novembre del 2016 con l'aggiunta degli interessi a partire dalla seconda rata nella misura dello 0,33% mensile.

I migliori video del giorno

Chi presenta invece la dichiarazione Iva con il modello di dichiarazione Unico 2016 potrà versare entro il 16 giugno, oppure entro il 16 luglio del 2016 applicando una maggiorazione dello 0,40%. Anche in questo caso è possibile rateizzare l'importo sempre fino e non oltre il 16 novembre del 2016, data di scadenza dell'ultima rata.